Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 23 settembre 2017

Pubblicato: 10/02/2017

Regionali, Codacons chiama Grasso

I consumatori, con l'appoggio di 34 associazioni di cittadini, chiedono la candidatura del presidente del Senato alla guida della Sicilia

PALERMO - Si è aperta la corsa alla presidenza della regione Siciliana e Francesco Tanasi, segretario nazionale del Codacons, con l'appoggio di 34 associazioni, lancia la candidatura del presidente del Senato già procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso. "Grasso è un personaggio autorevolissimo - dichiara Tanasi - e di riconosciute capacità organizzative.

La regione Siciliana ha bisogno di essere guidata da chi è lontano dalla logica dei partiti e che, quindi, possa garantire agli elettori la qualità del servizio. In questa direzione, auspico la possibile candidatura di Pietro Grasso. Con Grasso tanti professionisti mi hanno dato la loro disponibilità a scendere in campo al suo fianco, sostenendolo e garantendo onestà e competenze alla sua lista".

Tanasi spiega il motivo della sua proposta, dicendo come questa "nasce dagli stessi cittadini cha fanno parte delle associazioni che ogni giorno sono impegnate a difendere i loro diritti. Non è più possibile che si assista passivamente all'impoverimento dei siciliani e all'aumento costante della disoccupazione. Viviamo in una regione carente di infrastrutture e con inefficienti mezzi di comunicazione".

"Abbiamo bisogno di uno scatto d'orgoglio e di rimboccarci le maniche. Grasso, affiancato da un team di alto livello, può essere la risposta giusta per salvare la Sicilia dal baratro" conclude Tanasi.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.