Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 29 maggio 2017

Pubblicato: 08/02/2017

Ciancio, pm confermano richiesta

La Procura di Catania insiste per il rinvio a giudizio dell'editore accusato di concorso esterno all'associazione mafiosa. Prossima udienza il 22 febbraio

CATANIA - La Procura di Catania ha ribadito, in sede di udienza preliminare davanti al gup Loredana Pezzino, la richiesta di rinvio a giudizio per concorso esterno all'associazione mafiosa dell'editore Mario Ciancio Sanfilippo.

Il nuovo procedimento fa seguito alla decisione della Cassazione che ha annullato con rinvio il proscioglimento dell'imprenditore disposto dal gup Gaetana Bernabò Distefano. A sostenere l'accusa in aula i pm Antonino Fanara e Agata Santonocito. La prossima udienza si terrà il 22 febbraio con gli interventi delle parti civili. Il 15 marzo ci saranno quelli della difesa.

L'inchiesta della Procura di Catania, durata diversi anni, era inizialmente sfociata nella richiesta di archiviazione da parte dei pm. Ma il gup Luigi Barone aveva poi disposto la trasmissione degli atti alla Procura, che aveva chiesto il rinvio a giudizio dell'editore.

La Procura ha poi presentato appello contro l'archiviazione che era stata decisa dal gup Bernabò Distefano che aveva sostenuto, tra l'altro, che non era configurabile in generale il reato di concorso esterno all'associazione mafiosa.

Nel procedimento sono parti civili i fratelli del commissario Beppe Montana, assistiti dall'avvocato Goffredo D'Antona, e l'Ordine dei giornalisti di Sicilia, rappresentato dall'avvocato Dario Pastore. L'editore è assistito dagli avvocati Giulia Buongiorno e Carmelo Peluso.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.