Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 22 luglio 2017

Pubblicato: 08/02/2017

Crolla il cinema, due feriti

Campobello di Mazara. Lavori di ristrutturazione dopo un ventennio di chiusura: cede il muro dell'Olimpia, travolti gli operai

CAMPOBELLO DI MAZARA (TRAPANI) - A Campobello di Mazara, nel Trapanese, alle 8.45 è crollato il muro del vecchio cinema Olimpia in ristrutturazione in via del Risorgimento. Due operai sono rimasti feriti e trasportati all'ospedale di Castelvetrano. Non sarebbero in pericolo di vita.

I lavori di restauro della vecchia struttura di 268 posti, abbandonata da anni, erano stati commissionati dal Comune lo scorso 30 novembre. Da Palermo è partito il gruppo cinofilo dei vigili del fuoco per assicurarsi che non ci siano altre persone nell'area del crollo, ma pare si tratti di una eventualità remota.

Gli operai coinvolti, Antonino Cacioppo, di 53 anni, rimasto ferito in modo lieve che come gli altri due operai, Salvatore Mulè, e Vincenzo Pasini, avevano cominciato i lavori tre giorni fa. Sono adesso ricoverati in ospedale.

Seduto su una sedia a rotelle, mentre è ancora in attesa d'essere visitato dai sanitari del Pronto soccorso di Castelvetrano, Cacioppo, originario di Sambuca di Sicilia, ancora scosso per l'accaduto, racconta: "Nel cantiere eravamo sei operai, tre di Sambuca di Sicilia e tre di Messina. Io e i miei compaesani avevamo cominciato a lavorare lunedì scorso in quell'immobile. Stamattina stavamo effettuando lavori a una fondazione quando il muro ci è improvvisamente crollato addosso. Io ho solo una contusione alla gamba, ma i miei colleghi sono feriti in modo più serio".

"Sono andato in ospedale a Castelvetrano a parlare con gli operai feriti - dice il sindaco di Campobello di Mazara, Giuseppe Castiglione - e ora mi sento più tranquillo. Anche i medici mi hanno rassicurato sul fatto che nessuno di loro è in pericolo di vita".

Sulle cause del crollo sono stati avviati accertamenti da parte dei tecnici dei vigili del fuoco. "L'immobile - spiega il sindaco - era chiuso da circa un ventennio. La progettazione era stata fatta in epoca passata e non durante la mia amministrazione. Io mi sono preoccupato dal mio insediamento di reperire i fondi necessari per la ristrutturazione".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.