Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 25 marzo 2017

Pubblicato: 08/02/2017

Vittoria, arsenale nell'ovile

Blitz della polizia: sequestrate armi e munizioni alla famiglia Piscopo

RAGUSA - La Polizia di Stato ha arrestato a Vittoria tre appartenenti della famiglia Piscopo, padre e due figli, tutti in passato denunciati anche per mafia. La Squadra Mobile di Ragusa durante una perquisizione ha trovato e sequestrato due pistole, una rubata e l'altra con matricola abrasa, un fucile e centinaia di munizioni. La Polizia Scientifica eseguirà accertamenti balistici sulle armi per verificare se siano state utilizzate per commettere reati.

Gli arrestati - per detenzione illegale di armi da fuoco, munizioni e ricettazione - sono Francesco Piscopo, di 73 anni, e i figli Calogero, di 45, e Marco, di 35, parenti dei fratelli Piscopo condannati per la strage di 'San Basilio' del 1999 nata per alcuni contrasti all'interno dell'organizzazione mafiosa 'stidda'.

Gli agenti della squadra mobile di Ragusa, insieme ai colleghi dei commissariati di Comiso e Vittoria, hanno perquisito la loro casa e l'ovile anche in considerazione delle segnalazioni di colpi d'arma da fuoco provenienti dalla zona della loro abitazione e luogo di custodia dei loro greggi. I poliziotti al loro arrivo hanno chiesto ai Piscopo di consegnare le armi ma i tre Piscopo hanno detto loro che non c'era nulla da cercare.

Dopo alcuni minuti gli agenti hanno trovato in casa alcune munizioni e hanno cominciato a perquisire anche un caseggiato adibito a magazzino, dove è stato trovato il fucile, risultato rubato anni prima d un vittoriese.

Uno dei Piscopo a quel punto ha ammesso di tenere l'arma per difesa personale e per difendere le pecore dai cani che talvolta le azzannano. Gli agenti hanno poi trovato le due pistole, perfettamente funzionanti. Calogero e Mario Piscopo sono stati rinchiusi nel carcere di Ragusa. Il padre Francesco, considerata l'età, è stato posto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.