Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 28 maggio 2017

"Risorse in arrivo per l'istituto Bellini"

Riunione al Miur. Il sindaco di Catania: "A breve anche l'atteso riconoscimento di conservatorio"

CATANIA - "L'Istituto musicale Bellini avrà nuove risorse economiche dallo Stato e presto diventerà Conservatorio". L'annuncio arriva dal sindaco di Catania Enzo Bianco dopo la riunione di oggi al Miur. Bianco, anche nella sua veste di presidente dell'Assemblea Nazionale dell'Anci, accompagnato dal sindaco di Bergamo Giorgio Gori, ha infatti incontrato questa mattina a Roma la ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Valeria Fedeli per parlare dei problemi degli istituti musicali pareggiati.

Bianco e Gori hanno chiesto e ottenuto che venga garantito il contributo per gli istituti pareggiati musicali di 5 milioni di euro che non era stato inserito nell'ultima finanziaria a causa di una dimenticanza causata dalla fretta con la quale essa è stata messa a punto. Oltre a ciò i due sindaci hanno avuto ribadito da parte della ministro Fedeli l'impegno di procedere celermente alla statizzazione dei medesimi istituti.

"L'Istituto Bellini, con i suoi oltre 800 studenti - ha detto Bianco - rappresenta una delle istituzioni culturali e artistiche più importanti della città. Un patrimonio di talenti e professionalità da tutelare al massimo anche perché si tratta di giovani. L'incontro con il ministro Fedeli è andato nel migliore dei modi: non solo arriveranno le risorse economiche di cui avevamo diritto ma sono certo che presto ci sarà anche il tanto atteso riconoscimento di Conservatorio statale".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.