Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 22 luglio 2017

Pubblicato: 06/02/2017

Catania, assessore Parlato lascia

Terzo cambio in pochi mesi al Bilancio: il nuovo titolare sarÓ Salvatore And˛, giÓ liquidatore della bad company dell'Amt

CATANIA - Salvatore Andò sarà il nuovo assessore al Bilancio del Comune di Catania e prenderà il posto di Salvatore Parlato, che ha presentato le proprie dimissioni per motivi personali legati a un importante ruolo professionale da assumere a Roma.

Parlato, 43 anni, considerato uno dei maggiori esperti italiani di finanza locale, ha ricoperto il ruolo di assessore al Bilancio della Giunta Bianco dall'ottobre dello scorso anno al posto del dimissionario Girlando e in questi mesi ha lavorato con efficacia e puntualità. Continuerà tra l'altro a occuparsi dei conti del Comune come consulente a titolo gratuito del Sindaco.

"I quattro mesi trascorsi a Catania - ha detto Parlato - hanno costituito un'esperienza davvero significativa nella mia vita professionale e umana. Con estremo rammarico devo rinunciare all'incarico di assessore ma conto di poter dare un ulteriore contributo a questa splendida Giunta guidata da un Sindaco illuminato. Per questo, condividendo la scelta del mio successore, in continuità con la linea finora seguita, potrò fornire un supporto sulle materie di mia competenza per raggiungere gli importanti obiettivi che ci eravamo prefissati per questa città che merita più di qualsiasi altra".

Salvatore Andò, 52 anni, laureato in legge, sposato e con due figli, è un esperto di finanza che si occupa da anni di private banking e welth management. E' stato inoltre dal 1993 al 1997, vicecapogruppo consiliare del Patto per Catania e componente della Commissione Bilancio. Negli stessi anni è stato consigliere regionale di Anci Sicilia.

Dal 2006 al 2009 è stato componente del consiglio d'amministrazione della Pubbliservizi. Prima di giurare come assessore, Andò si dimetterà dalla carica di commissario liquidatore della vecchia Amt che aveva assunto qualche settimana addietro.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.