Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 19 novembre 2017

Pubblicato: 04/02/2017

Catania: romeno ucciso, nuovo arresto

Molestie a ragazze straniere in un locale e scoppia la rissa: il 43enne Giuseppe Zuccaro avrebbe partecipato all'agguato mortale

CATANIA - Carabinieri nucleo investigativo del Comando Provinciale di Catania hanno arrestato il secondo presunto partecipante alla sparatoria, avvenuta l'8 gennaio scorso davanti a un ritrovo notturno, in cui fu ucciso il romeno Dinu Florin, di 26 anni, e feriti un suo connazionale e un marocchino.

E' Giuseppe Zuccaro, 43 anni, destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip su richiesta della Procura distrettuale per omicidio, tentato omicidio, rissa, porto e detenzione di armi. Nell'ambito della stessa inchiesta era già in carcere Dario Valle, di 40 anni.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, Zuccaro e Valle, probabilmente sotto l'effetto dell'alcool, avrebbero molestato alcune ragazze straniere nel locale, che sarebbero state difese da loro connazionali.

Una ventina di minuti dopo i due italiani, dopo essersi allontanati, sarebbero ritornati al locale, ciascuno con un'auto. Al quel punto, sostiene l'accusa, mentre Valle individuava e attirava all'esterno del locale i ragazzi con cui poco prima avevano discusso, Zuccaro avrebbe sparato nella loro direzione diversi colpi di pistola, uccidendo il giovane romeno e ferendo altre due persone.

Subito dopo la sparatoria i carabinieri avevano fermato Valle nell'ospedale Vittorio Emanuele, dove si era recato per farsi medicare le ferite riportate durante la rissa. Zuccaro si era invece reso irreperibile e sarebbe riuscito a nascondersi grazie all'aiuto di due conoscenti, che sono stati denunciati in stato di libertà per favoreggiamento personale. L'arrestato, assolte le formalità di rito, è stato condotto in carcere.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.