Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 25 maggio 2017

Pubblicato: 30/01/2017

Che bolgia per Fedez e J-Ax

L'assalto dei ragazzi al centro commerciale catanese per il firmacopie dei due rapper. LE FOTO

CATANIA - In coda dalle prime ore del mattino, accompagnati dai genitori o da un fratello maggiore, sono stati numerosissimi i ragazzi a Etnapolis per il firmacopie di J-Ax e Fedez nel centro commerciale Etnapolis (GUARDA LE FOTO).

Già riuniti in gruppo su Facebook, si sono dati appuntamento ai piedi dell’Etna dalla provincia di Ragusa, di Siracusa, di Enna e di Messina. Come Miriana, 15enne di Moio Alcantara. Da Comiso (Rg) sono arrivati Manuel e Ilona: “Siamo dei fan sfegatati di Fedez – confessano –, una volta siamo andati persino a Soverato, in Calabria, per vederlo dal vivo”.

Un altro gruppetto arriva da Ispica, sempre nel Ragusano. Mentre Chiara e Roberta, 17enni di Randazzo, si sono fatte accompagnare al mattino presto dal papà che poi è tornato indietro per cominciare la normale giornata di lavoro; da Sortino (Sr), scortata dalla mamma, c’era la piccola Anita, 12 anni e alunna di seconda media. La più piccola è Emily, 5 anni: è arrivata da Piano Tavola (Ct) con la mamma, ed è tra le prime della fila.

L’arrivo dei due artisti – impegnati nel vorticoso tour firmacopie di “Comunisti col Rolex”, primo album che riunisce i loro mondi, gusti e influenze musicali – è salutato con un’ovazione dai ragazzini. Quindi parte lo show. I fan a turno si avvicendano al fianco dei loro beniamini per la firma del cd e la foto ricordo che ognuno condividerà sui social per moltiplicare l’emozione dell’istante.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.