Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 22 luglio 2017

Pubblicato: 23/01/2017

Bianco: "Abbiamo contenuto i danni"


CATANIA - "Disagi contenuti nonostante la considerevole quantità d'acqua piovana abbattutasi sul territorio di Catania grazie agli interventi seguiti all'allerta scattato dopo la mezzanotte di sabato scorso e alle opportune restrizioni alla vigilanza di torrenti, canali e fiumi". E' il bilancio fatto dal sindaco Enzo Bianco durante una riunione sull'emergenza maltempo.

"Le idrovore collocate nel villaggio Santa Maria Goretti prima ancora che cominciasse a piovere - ha aggiunto Bianco - hanno consentito di evitare situazioni di pericolo. Su Catania sono caduti mediamente 130 millimetri di pioggia. Ma sulla città si è riversata anche l'acqua proveniente dai paesi etnei e quella scaturita dallo scioglimento della neve. Per risolvere i problemi derivati dall'autentico fiume d'acqua, dalla notte scorsa si sono succeduti altri interventi con pompe idrovore anche nei tratti con acqua alta lungo il viale Kennedy e le vie San Giuseppe la Rena e San Francesco la Rena".

Otto vetture sono rimaste in panne a causa del livello dell'acqua: gli occupanti sono stati salvati. "Il Comune, nonostante la competenza sia dell'Irsap, ha disposto interventi nella zona industriale, dove il livello dell'acqua supera in alcuni punti anche i cinquanta centimetri, con mezzi per l'aspirazione e il successivo smaltimento idrico. Appena la situazione si sarà normalizzata, poi, prenderà il via il programma, già previsto dall'amministrazione che ha impegnato 335.000 euro nel Bilancio per la posa di tappetini d'asfalto per le numerose buche create dal maltempo nei 700 chilometri di strade cittadine".

Il sindaco Bianco ha annunciato che chiederà lo Stato di Calamità per i danni all'agricoltura e in particolare ai giardini d'aranci e ha sollecitato i governi nazionale e regionale a studiare un piano straordinario per la sistemazione delle strade della città metropolitana.




Per commentare l'articolo č necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, č possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso č necessaria la verifica, basterā cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.