Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 28 marzo 2017

Appello via social dei superstiti candidati sindaci del M5s


PALERMO - Ha il sapore di un appello al voto via social, in vista del voto on line degli iscritti del M5s a Palermo, il contenuto dei post dei candidati a sindaco Ugo Forello e Igor Gelarda.

A sfidarsi alle comunarie, da un lato l'avvocato e fondatore di Addiopizzo, dall'altro un poliziotto e sindacalista, superstiti di una competizione interna a cinquestelle, lastricata di dissidi e dissapori e addii, che consegna un Movimento diviso su scala locale in quattro anime.

A battere in ritirata per prima dalla sfida a cinque e dalla lista è stata Tiziana Di Pasquale, seguita da Giulia Argiroffi e Giancarlo Caparrotta, che però restano in sella per un seggio in Consiglio comunale. Il voto on line sulla piattaforma Rousseau è atteso a stretto giro, la dead line è stata indicata per domani.

A postare per primo alcune riflessioni, è Forello che scrive: "Noi tutti ci siamo messi in gioco affinché la politica possa ritrovare il senso della sua esistenza nella cura dei beni comuni, nella concreta applicazione dei valori e dei principi della Costituzione. Per questo, tra le nostre priorità, dovrà esserci un forte rilancio delle azioni volte a contrastare la dilagante povertà, economica ed educativa, sostenute anche da efficaci politiche occupazionali e di sviluppo delle attività produttive ed artigianali".

Igor Gelarda si dice "determinato a costruire insieme a voi una Palermo a 5 Stelle, dove profonderemo ogni nostra energia e capacità, se la rete dovesse scegliere me come candidato sindaco, alcune certezze 've', anzi 'ce' le possiamo dare tutti insieme. Agiremo con competenza e determinazione, rendendo tutto trasparente".

E ancora "il candidato sindaco deve diventare il catalizzatore delle battaglie politiche che il Movimento ha fin qui intrapreso per garantire maggiore vivibilità nei vari quartieri. E ancora: "Contattare la nostra amministrazione comunale e me stesso, quale eventuale sindaco a 5 Stelle, sarà al contrario di quanto accade attualmente, semplicissimo".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.