Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 21 luglio 2017

Pubblicato: 16/01/2017

Crocetta, l'ultimo dei governatori

Classifica Sole 24 Ore. Al presidente della Regione siciliana maglia nera per il gradimento. Tra i sindaci, a Palermo balzo in avanti di 47 posizioni per Orlando

ROMA - Un altro primato negativo per la Sicilia. Il presidente della Regione, Rosario Crocetta, è ultimo nel Governance Poll 2016, ovvero la classifica sul gradimento degli amministratori stilata dall'Istituto Ipr Marcheting per il Sole 24 Ore e pubblicata oggi dal quotidiano. In testa alla classifica di gradimento c'è il presidente del Veneto, Luca Zaia (Lega), col 60% dei consensi, seguito da Enrico Rossi (Pd) della Toscana che guadagna il 9% rispetto alla precedente rilevazione e si ferma al 57%. Medaglia di bronzo al presidente della Lombardia Roberto Maroni (Lega) che arriva al 54% (+11,2%).

"La classifica del Sole 24 Ore conferma il dato percentuale di quando quattro anni fa sono stato eletto governatore col 30,5%: considerando la forbice del sondaggio il mio consenso è rimasto inalterato", commenta Crocetta. "In quattro anni ho portato avanti azioni anti-sistema e anti-casta e ho subito attacchi di ogni tipo, persino dall'interno della mia stessa coalizione. Con tutte le cose che ho fatto nessuno sarebbe sopravvissuto. E poi il sistema siciliano è molto più tripolare che nel resto del Paese".

Il sondaggio prevede che mille elettori in ogni Regione, disaggregati per sesso, età e area di residenza, rispondano alla domanda: le chiedo un giudizio complessivo sull'operato del presidente della Regione nell'arco del 2016. Se domani ci fossero le elezioni regionali, lei voterebbe a favore o contro l'attuale presidente della Regione? Crocetta ha una percentuale del 27% e cala del 3,5% rispetto alla data dell'elezione.

Nel campo dei sindaci, è quello di Torino, Chiara Appendino (M5s), il vincitore. Realizza una crescita di 7 punti e mezzo rispetto al consenso ottenuto lo scorso anno e ottiene il 62%. Al secondo posto si piazza Dario Nardella, Pd, primo cittadino di Firenze (61%) mentre al terzo si trova Federico Pizzarotti, alla guida del Comune di Parma con il 60,5%. Tra i primi cittadini in discesa Virginia Raggi, sindaco M5s di Roma, che registra una forte flessione perdendo circa un terzo del consenso ottenuto alle elezioni della scorsa primavera (-23,2%) e piazzandosi al penultimo posto con il 44%.

Tra gli amministratori locali dell'Isola, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, che quest'anno ritenterà la corsa a primo cittadino per la quinta volta, insieme al collega di Caltanissetta Giovanni Ruvolo si piazzano al trentesimo posto. Orlando ha ottenuto un gradimento del 55%, guadagnando cinque punti in più rispetto al 2015, ma rispetto al giorno dell'elezione nel 2012, rileva il sondaggio, ne perde 17,4%.

Alla casella 43 c'è il sindaco di Agrigento Calogero Firetto; alla 71 i sindaci di Siracusa Giancarlo Garozzo, di Catania Enzo Bianco e di Enna Maurizio Di Pietro. In coda i sindaci di Ragusa, Messina e Trapani: Federico Piccitto e Renato Accorinti, con il 46% di gradimento si collocano al 98/mo posto; mentre il sindaco di Trapani Vito Damiano, di piazza al 102°, prima del sindaco della Capitale Virginia Raggi.

"Questo miglioramento conferma quanto abbiamo sostenuto per anni e cioè che il lavoro di questa amministrazione comunale avrebbe dato i suoi frutti nel medio-lungo periodo", dice Leoluca Orlando, che ha guadagnato posizioni passando dalla 77/ma dello scorso anno alla 30/ma.

"Il dato di oggi - conclude - conferma di fatto quello pubblicato sempre dal Sole24ore lo scorso dicembre che in tema di vivibilità attestava la ripresa di Palermo che dal 107° posto del 2015 è passata al 99°".







Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.