Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 22 gennaio 2017

Minacce all'amministratore giudiziario
per salvare il suo box al Maas

Catania. Metodi mafiosi: arrestato Ferdinando Vinciguerra, vicino al clan Santapaola-Ercolano

CATANIA - I carabinieri di Paternò hanno arrestato Ferdinando Vinciguerra, 43 anni, indicato dalla Procura di Catania come vicino al clan Santapaola-Ercolano. E' accusato di avere più volte minacciato, con metodo mafioso, l'amministratore giudiziario nominato dal tribunale per tentare di costringerlo a non dare esecuzione al provvedimento di sospensione e chiusura della sua azienda, 'Le Quattro Stagioni srl', che opera nei mercati ortofrutticoli del Maas, in contrada Bicocca.

Nel giugno del 2016 il Tribunale aveva disposto la sospensione dell'attività della società, che è tra i beni in confisca al Vinciguerra, perché per i giudici era "ingestibile e incontrollabile".

Ma, secondo l'accusa, i sigilli del box sarebbero stati più volte violati per permettere a Vinciguerra di continuare a svolgere l'attività. Il 29 novembre, durante un controllo, carabinieri hanno rilevato che "Le Quattro Stagioni Srl" non solo era attivo, ma proseguiva la propria attività commerciale, nonostante il provvedimento di sequestro della azienda e quello di sospensione emesso in precedenza dal tribunale.

Nel frattempo, ricostruisce la Procura di Catania, erano aumentate in maniera esponenziale le intimazioni dell'amministratore giudiziario. Il box è stato sequestrato e chiuso con nuovi sigilli e Ferdinando Vinguerra à stato denunciato in stato di libertà. Successivamente la Procura di Catania ha chiesto e ottenuto dal gip l'emissione di un provvedimento cautelare, e l'indagato è stato arrestato e condotto nel carcere di Bicocca.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.