Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 20 febbraio 2017

Al via piano per dare ricovero ai senzatetto


CATANIA - Un piano per dare ricovero ai senzatetto in vista dell'ondata di gelo prevista tra oggi e domani è stato messo a punto, su indicazione del sindaco di Catania Enzo Bianco, con il coordinamento del Comune e il supporto di varie Istituzioni e della rete del Volontariato dei Servizi sociali.

L'assessore al Welfare Angelo Villari e quello allo Sport Valentina Scialfa hanno disposto che a partire dalle 21.30 il Palazzetto di piazza Spedini potrà dare ospitalità a chi non ha un tetto. Su richiesta del capo di Gabinetto del Sindaco, Beppe Spampinato, un altro ricovero d'emergenza è stato messo a disposizione dalle Ferrovie dello Stato. Si tratta del deposito bagagli della Stazione centrale, uno dei luoghi in cui gli homeless dormono all'aperto.

In un'altra zona ad alta concentrazione di senzatetto, la piazza della Repubblica, la Croce rossa italiana appronterà una grande tenda pneumatica, estesa per cento metri quadrati, opportunamente riscaldata.

"Dobbiamo ringraziare - ha detto Villari - tutti coloro i quali si sono immediatamente messi a disposizione per garantire ai senzatetto la possibilità di dormire al caldo. A coloro i quali intendono comunque dormire all'aperto saranno consegnate coperte e indumenti. Inoltre pasti caldi saranno distribuiti dall'Unità di Strada della Caritas".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.