Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdý, 24 novembre 2017

Pubblicato: 04/01/2017

Un nuovo scalo a Piana del Mela?

L'assessore Lo Bello: "Gli indiani vogliono costruire un hub logistico nel cuore del Mediterraneo"

PALERMO - "Innovazione e investimenti da imprenditori indiani che la Sicilia non si farà sfuggire, per la costruzione di un aeroporto nell'area industriale di Piana del Mela". L'assessore Regionale delle Attività produttive Mariella Lo Bello, dopo l'incontro svoltosi lunedì all'ex Consorzio Asi di Messina e promosso dal Commissario straordinario dell'Irsap Sicilia Mariagrazia Brandara, rilancia l'idea di un nuovo scalo in Sicilia.

"La Sicilia necessita di imprenditori come Mahesh Panchavaktra, presidente della holding Panchavaktra di Nuova Delhi, che credono nella nostra terra e riconoscano alla stessa l'importante ruolo di piattaforma logistica che, dal cuore del Mediterraneo, - afferma Lo Bello - è in grado di creare un ponte con i paesi che sullo stesso si affacciano e non solo con essi".

"Abbiamo ancora una volta constatato l'interesse reale da parte del gruppo Panchavaktra, che in India ha all'attivo diverse aziende con 16mila dipendenti, di realizzare un Hub logistico aeroportuale - osserva Brandara - su un territorio quale è quello dell'ex consorzio Asi di Messina, che offre ampi margini da un punto di vista della disponibilità di aree industriali, pronte per essere insediate e utilizzate per investimenti produttivi che darebbero ossigeno a tutto il territorio".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.