Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 28 marzo 2017

Pubblicato: 30/12/2016

Meter scopre 7.500 file con neonati

Pedopornografia: esposto dell'associazione di don di Noto alla polizia postale dei Catania

AVOLA (SIRACUSA) - Neonati abusati, fotografati e diffusi online. Lo segnala l'associazione Meter di don Fortunato Di Noto, impegnata da 25 anni nel contrasto alla pedofilia e pedopornografia, che ha presentato un esposto alla Polizia postale del compartimento di Catania dopo avere monitorato alcuni siti tra l'1.08 e le 9.34.

"Se ne contano diverse decine - si legge in una nota di Meter - di cui una in particolare che con una sequenza di 13 foto rappresentano una violenza inaudita. I pedopornografi in queste ore trafficano molto questo materiale attraverso le chat dedicate".

In tutto negli archivi cloud e dropbox in sole nove ore sono stati scoperti e denunciati 7.562 tra video e foto con migliaia di bambini e bambine coinvolte in uno dei più grandi traffici e sfruttamento sessuale.

"Come rimanere in silenzio di fronte a questo scempio sui neonati? La mole della produzione di materiale pedopornografico nel mondo ha raggiunto una produzione ingente e di vaste proporzioni - dice don Di Noto - Non dimentichiamo che in ogni foto e video c'è un bambino, di un abuso già subito e di profonde ferite che si porterà per sempre. Inquieta la crescente richiesta di materiale con neonati. Meter continuerà in questa opera di aiuto delle vittime, di denuncia e di sensibilizzazione a livello nazionale e internazionale".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.