Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 30 aprile 2017

Sì dalla giunta Crocetta alla manovra
"L'Ars la approvi entro il 31 dicembre"

Crocetta: "Tutelate le fasce più deboli, nessuna scopertura per i forestali"

PALERMO - La giunta regionale ha approvato la manovra che entro martedì sarà inviata all'Ars. "La manovra conta di 15 articoli - dice il governatore Rosario Crocetta - ed è una misura essenziale che destina risorse in via prioritaria a enti locali, lavoratori, precari e a tutti gli enti finanziati dalla Regione mettendoli in sicurezza per l'intero anno senza soluzione di continuità per evitare che si verifichino situazioni del passato approvando bilanci provvisori che hanno creato disparità tra i lavoratori".

"Rassicuriamo tutti - prosegue -, sono previste risorse per la continuità del lavoro dai consorzi di bonifica agli enti teatrali. Si tratta di una legge di bilancio che continua il percorso avviato nei mesi scorsi con il governo e che ci ha consentito di lavorare al pareggio di bilancio. Pur mantenendo una linea di rigore si tutelano le fasce più deboli".

A proposito dei forestali il governatore precisa: "Non è vero che c'è una scopertura di 110 milioni di euro. Credo piuttosto sia fondamentale che la manovra sia approvata entro il 31 dicembre, senza ricorrere all'esercizio provvisorio. Il documento conta di 15 articoli e si è nelle condizioni di approvarlo serenamente. Non abbiamo inserito norme ad personam ma ci siamo occupati di questioni generali".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.