Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 26 aprile 2017

Pubblicato: 16/12/2016

Sempre più poveri e disoccupati

La Cisl regionale: "Indigente un siciliano su due, il 56% dei giovani è senza lavoro"

PALERMO - La Sicilia ha un tasso di disoccupazione del 21,9%, i giovani senza lavoro superano il 56%, un siciliano su due è povero, il Pil pro-capite in media risulta pari a 17 mila euro, con punte al ribasso in provincia di Agrigento e Caltanissetta dove ferma 12-13 mila. E' il quadro dell'economia siciliana delineato dalla Cisl nel corso dell'assise che ha riunito in un hotel, a Palermo, i vertici delle federazioni regionali e delle unioni territoriali del sindacato, dando il via alla stagione congressuale che impegnerà il sindacato nel 2017.

Nei prossimi mesi centinaia di assemblee si terranno nei luoghi di lavoro e nelle sedi sindacali il 4 e 5 maggio, porteranno al congresso regionale, che si terrà nel capoluogo siciliana. "La situazione è esplosiva non possiamo permetterci ritardi nella spesa dei fondi destinati alla Sicilia - ha detto il segretario regionale Mimmo Milazzo -. Sulla carta a questa Regione sono stati destinati quasi 11 miliardi di euro, ma è tutto fermo. E mi riferisco alla risorse previste da patti per il Sud con la Regione siciliana e per le città metropolitane. Nei fatti abbiamo risorse pari a quelle stanziate nella manovra per lo stato sulla carta, ma non è partito nemmeno un cantiere. Anche la spesa della programmazione 2014-2020 è ferma".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.