Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 27 febbraio 2017

Pubblicato: 15/12/2016

"Firme false nel Pd. E adesso?"

Il caso a Siracusa. Grillo sul blog: "Falsificate interamente due liste che sono risultate definitive per l'elezione del sindaco renziano Garozzo"

ROMA - "Il Pd è coinvolto nell'inchiesta delle firme false a Siracusa dalla testa ai piedi. Sembrerebbe, infatti, che due liste che hanno appoggiato in maniera decisiva la candidatura nel 2013 del renziano Giancarlo Garozzo (Pd), oggi Sindaco, siano state integralmente falsificate". Lo scrive il blog di Beppe Grillo - che lo ha rilanciato sul suo profilo twitter - nel post di apertura di oggi.

"Le liste - si legge - riportano, infatti, firme che sono state pubblicamente disconosciute dagli stessi cittadini, numeri di documenti di identità non corrispondenti al vero, date di nascita errate, elementi alterati. Sulle ipotesi di reato adesso indaga la Magistratura. Ma il PD, invece, cosa ha fatto o cosa intende fare adesso davanti a questa nuova indagine giudiziaria che lo riguarda?".

"Ricordiamo che per un caso analogo, ma oggettivamente meno grave visto che non vi furono eletti - prosegue il MoVimento -, il M5S ha immediatamente sospeso tutte le persone coinvolte. Dove sono adesso tutti quegli esponenti del PD e quella stampa politica e filo governativa che per mesi hanno alimentato una campagna di linciaggio nei confronti del M5S? Adesso hanno per caso vergogna nell'esporsi pubblicamente e palesare le nette differenze tra il PD e il M5S. La verità - viene sottolineato - è che il PD pur di prendere voti e arrivare al potere giustifica qualsiasi mezzo (dal clientelismo, alla probabile falsificazione delle firme), accetta qualsiasi tipo di condotta, anche le più riprovevoli, da parte dei propri esponenti, mantiene sindaci e consiglieri regionali condannati per firme false ai propri posti (come in Veneto e Piemonte) come se nulla fosse e sostiene personaggi come De Luca, oggi indagato dalla Procura di Napoli per istigazione al voto di scambio. E' un partito che non ha più alcun tipo di credibilità", conclude il blog di Grillo.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.