Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 24 novembre 2017

Reddito e condizione sociale
la maglia nera alla Sicilia

I dati Istat rivelano anche la mancanza di fiducia nell'Isola verso istituzioni e giustizia

PALERMO - In Sicilia la fiducia verso le istituzioni locali è più bassa rispetto a quella che i cittadini delle altre regioni ripongono nei propri territori, mentre è maggiore nei confronti del sistema giudiziario.

Lo rivela l'Istat nel rapporto sul 'Benessere equo e sostenibile'. Da 0 a10, la pagella dei siciliani verso le proprie istituzioni indica un voto medio di 3,1, a fronte del 3,9 della media nazionale e del 3,6 del Mezzogiorno.

Il picco è a Bolzano con 5,4, poi Trento e Bolzano con il 5,3. Maggiore della media nazionale, invece, è la fiducia dei siciliani nei confronti del sistema giudiziario: 4,7 contro 4,3. Solo in Campania la fiducia è più alta, 5.

La Sicilia è maglia nera in Italia per reddito e condizioni sociali. La somma tra reddito medio disponibile pro capite e indice di disuguaglianza del reddito colloca la Sicilia all'ultimo posto, con un indice di 74,4 punti a fronte di una media nazionale di 98 punti.

L'isola fa peggio anche della media del Mezzogiorno, pari a 83 punti. E' quantoemerge dal rapporto Istat su 'Benessere equo e sostenibile'.

Anche sul fronte del disagio sociale, la Sicilia ha la performace peggiore, con un indice pari a 70,3 punti (95,4 inItalia e 80,5 nel Sud): l'analisi dell'Istat include la grave deprivazione materiale, la bassa qualità dell'abitazione, la grande difficoltà economica e la bassa intensità lavorativa.










Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.