FOTO" /> FOTO"> Catania, discariche davanti alle scuole
Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 21 ottobre 2017

Pubblicato: 13/12/2016

Catania, discariche davanti alle scuole

Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo. La denuncia del consigliere di quartiere: "Piaga igienico-sanitaria a pochi metri dalle aule". FOTO

CATANIA - Ancora il problema dell’abbandono incontrollato dei rifiuti in evidenza. Ancora una volta la municipalità di "Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo" che finisce nel mirino di veri e propri delinquenti che non si fanno scrupoli ad abbandonare materiali anche pericolosi e infiammabili davanti alle scuole.

Nel corso di un sopralluogo effettuato con il consigliere di quartiere Santo Arena, Giuseppe Zingale, vice presidente della IV circoscrizione, ha evidenziato come in questa parte di Catania ci siano vere e proprie zone rosse ad alto rischio ambientale. GUARDA LA FOTOGALLERY.

Montagne di rifiuti intorno agli istituti "Petrarca", "De Roberto", "Padre Santo Di Guardo" e gli asili nido di via Galermo e viale Tirreno. Centinaia di bambini e ragazzi costretti a sopportare cattivi odori e uno spettacolo assolutamente indecoroso fatto di degrado e incuria. Eternit, copertoni, vecchi mobili e persino parti d’auto con i genitori che chiedono immediati interventi di pulizia.

"Da anni, con la raccolta differenziata, il nostro territorio si è ormai trasformato in un immenso bacino collettore in cui confluisce la spazzatura proveniente dai paesi pedemontani - denuncia Zingale -. Pulire le aree in questione senza controlli successivi non porterebbe a nessun risultato duraturo. Ecco perché il sottoscritto chiede al sindaco Bianco di creare una conferenza dei servizi dove si possa correre ai ripari con un piano di videosorveglianza che permetta di cogliere sul fatto tutti gli incivili che sporcano le aree intorno a gran parte delle scuole della nostra municipalità. L’obiettivo è impedire una piaga igienico-sanitaria a poche decine di metri da aule e classi".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.