Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 26 luglio 2017

Pubblicato: 11/12/2016

A Fuocoammare pure l'Oscar europeo

Il documentario su Lampedusa premiato in Polonia. Il regista Rosi: "Basta con questo mondo pieno di muri"

BRESLAVIA (POLONIA) - Agli European film awards di Breslavia, in Polonia, vincono i migranti di 'Fuocoammare', il documentario di Gianfranco Rosi girato a Lampedusa e già premiato con l'Orso d'oro al Festival di Berlino.

Accorato l'appello del regista al ritiro del riconoscimento: "Abbiamo costruito un mondo pieno di muri, violenza e intolleranza in cui non vengono riconosciuti i diritti umani. Dobbiamo fare qualcosa".

Per il direttore generale della Rai Antonio Campo Dall'Orto "è una grande opera che racconta i motivi per i quali l'Italia ha e avrà un ruolo centrale per una Europa dei diritti sempre più unita; con la meravigliosa gente di Lampedusa che dell'Europa è la frontiera d'accoglienza". Fuocoammare è il film che l'Italia ha scelto per la corsa agli Oscar 2016.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.