Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 29 giugno 2017

Pubblicato: 07/12/2016

L'Ocse boccia gli studenti italiani

Il Paese resta sotto la media: bene in matematica, stabili le performance in scienze e lettura

BRUXELLES - Migliorano le performance degli studenti italiani in matematica, mentre restano stabili quelle in scienze e nella capacità di lettura. E' il quadro che emerge dai test Ocse-Pisa 2015 sulle competenze degli studenti quindicenni, i cui risultati sono stati diffusi a Bruxelles.

I dati, matematica a parte, continuano a essere tuttavia inferiori alla media Ocse. A primeggiare nell'Ue sono Estonia e Finlandia. Nel mondo Singapore. In Italia resta più marcata rispetto alla media Ocse anche la differenza di genere. Si allarga il gap tra ragazzi e ragazze in matematica e scienze mentre si restringe nella capacità di lettura, con le ragazze sempre migliori, anche se le loro performance sono peggiorate dal 2009 mentre quelle dei maschi sono migliorate.

Gli studenti immigrati, di prima o seconda generazione, fanno più fatica degli altri in scienze. Come in molti altri Paesi, infine, gli studenti con condizioni socioeconomiche più svantaggiate hanno meno probabilità di riuscita a scuola.

Per quanto riguarda le performance in scienze, in particolare, lo studio mette a disposizione anche i dati di quattro tra regioni e province autonome, con gli studenti di Bolzano, Trento e Lombardia che segnano punteggi circa 30 punti sopra la media italiana, mentre gli studenti in Campania risultano 30 punti sotto, l'equivalente di circa un anno scolastico di ritardo.

Nonostante i risultati inferiori alla media Ocse, gli studenti italiani passano più tempo a scuola e sui libri: 29 ore in classe e 21 dedicate ai compiti a casa per un totale di quasi 50 ore a settimana, contro una media Ocse di 44 ore. Molti Paesi riescono a ottenere performance superiori con un impegno inferiore: in Europa, ad esempio, Finlandia e Germania (36 ore).

Infine i dati sulla spesa: secondo l'Ocse, l'Italia investe circa 81 mila euro a studente tra i 6 e i 15 anni, vicino alla media Ocse di 84 mila euro. Tra 2005 e 2013, tuttavia, la spesa pubblica per studente è calata di circa l'11% in termini reali, mentre nella media Ocse dei Paesi con dati disponibili è cresciuta del 19%.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.