Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 24 settembre 2017

Pubblicato: 03/12/2016

Non è il denaro che dà la felicità

Nuccio Sciacca / 
Uno studio scientifico neozelandese dimostra che sono le attività creative a dare senso di benessere

Né soldi né ricchezza, il segreto della felicità potrebbe essere nascosto in attività creative e rilassanti, come dipingere, scrivere poesie o canzoni, provare una nuova ricetta, lavorare a maglia o all’uncinetto.

La dimostrazione arriva da uno studio dell’Università di Otago, in Nuova Zelanda, pubblicato sul The Journal of Positive Psychology. Gli studiosi hanno preso in esame 658 studenti universitari, a cui è stato chiesto di tenere un diario delle attività giornaliere e del proprio stato d’animo per un periodo di 13 giorni.

Dopo aver analizzato i diari, i ricercatori hanno riscontrato che i ragazzi provavano maggiore entusiasmo ed erano più positivi del solito, nei giorni in cui avevano fatto più attività creative.

Lo studio non ha chiesto specificamente agli studenti di registrare nel dettaglio la natura della loro attività creativa, ma gli studiosi avevano raccolto tali informazioni in modo informale in uno studio precedente.

Gli esempi più comuni che i ragazzi facevano erano dedicarsi alla scrittura creativa (poesia, narrativa breve), lavorare a maglia e uncinetto, sperimentare nuove ricette, dipingere, disegnare o fare degli schizzi, occuparsi di progettazione grafica e digitale o di performance musicali.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.