Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 25 marzo 2017

Apre scuola di formazione per medici di famiglia

Nuccio Sciacca / 
La sede di Palermo a Villa Magnisi comprende anche i poli didattici di Catania e Messina

La sede dell'Ordine dei medici di Palermo ospita dal 29 novembre la Scuola di formazione specifica in medicina generale istituita per i poli didattici di Palermo, Messina e Catania grazie a una convenzione siglata tra Ordine dei medici di Palermo (Omceo) e l'assessorato regionale della Salute.

Erano presenti Massimo Buscema e Toti Amato, presidenti degli Ordini dei medici di Palermo e Catania, Luigi Galvano, consigliere dell'Ordine di Palermo, e il direttore del Dasoe Ignazio Tozzo: insieme hanno realizzato l'accordo che ha affidato all'Omceo del capoluogo la gestione dell'organizzazione, del coordinamento e della realizzazione di tutte le attività didattiche che attengono ai corsi di medicina generale.

La convenzione, che avrà una durata triennale, ha l'obiettivo di assicurare una governance qualificata ed una migliore operatività attraverso una struttura pubblica di comprovata esperienza nel settore formativo, capace di creare, acquisire e trasformare le conoscenze in competenze. L'assessorato, vigilerà sulle regole concordate e stabilite dalla convenzione, ma anche durante la fase programmatica del nuovo modello organizzativo.

A vigilare sul buon andamento della gestione sarà il servizio di Formazione e comunicazione del Dasoe (il Dipartimento regionale delle attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico dell'assessorato della Salute), guidato dal dirigente generale Ignazio Tozzo, che ha sottolineato come l'accordo "costituisca un ulteriore snellimento delle procedure rispetto alla gestione centralizzata, certamente non tecnica, che l'assessorato finora ha fornito; con la delega all'Omceo la qualità dell'attività formativa sarà sicuramente più alta. Nei fatti è stato formalizzato un rapporto organizzativo che esiste già da una decina d'anni”.

Amministrazione e controllo dell'intero sistema restano in capo all'assessorato. L'attività di vigilanza sarà esercitata dall'assessorato attraverso l'approvazione dei programmi didattici elaborati dall'Ordine, la gestione della spesa e dei bandi di concorso, delle graduatorie, delle commissioni per gli esami di ammissione e quelli finali e delle borse di studio da destinare ai medici in formazione.

Organizzazione, programmazione e attuazione dell'attività formativa sono invece i compiti dell'Ordine, che assicurerà a Villa Magnisi gli spazi destinati alla scuola, le attrezzature necessarie e i servizi di segreteria didattica e organizzativa. A margine della cerimonia inaugurale, i giovani medici della medicina generale si sono vaccinati per sensibilizzare i cittadini alla prevenzione, dimostrando pubblicamente l'importanza e la sicurezza del farmaco antinfluenzale.

Il consigliere dell'Ordine, Luigi Galvano, ricordando l'indagine del Centro mondiale di riferimento di Atlanta (Usa), che ha dimostrato come le reazioni gravi al vaccino sono appena 33 su oltre 25 milioni di pazienti, senza registrare alcun decesso, ha sottolineato che "la preoccupazione è infondata anche perché i vaccini che stiamo per utilizzare sono assolutamente sicuri e di ultima generazione".




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.