Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 24 settembre 2017

Qualità della vita, Siracusa penultima
Catania guadagna otto posizioni

Classifica Italia Oggi-La Sapienza: Mantova al primo posto, la città etnea passa dal 101° al 93°. Bianco gongola: "In Sicilia va meglio solo Ragusa"

ROMA - E' Mantova la provincia italiana dove si vive meglio, seguita da Trento e Belluno. Crotone è la peggiore (ultima su 110), penultima Siracusa, Catania guadagna otto posizioni, passando dal 101° posto al 93°. In generale nel Sud e nelle isole il livello medio di qualità della vita resta insufficiente e non migliora.

"C'è ancora molto da fare - commenta il sindaco etneo Enzo Bianco - ma si comincia a vedere il lavoro svolto". La classifica 2016 della qualità della vita è stata stilata dal quotidiano economico Italia Oggi e dall'università La Sapienza di Roma.

"Adesso - aggiunge Bianco - siamo la seconda città siciliana dopo Ragusa. Pesa ancora parecchio il dato dell'economia, ma Catania sale anche in alcune classifiche parziali: affari e lavoro dal 94° all'85° posto, tasso di disoccupazione dal 90° all'80°, mentre in quelle considerate per la prima volta è al 55° nelle aree a traffico limitato e al 44° nelle aree verdi; inoltre è una delle grandi aree urbane del Paese a non deludere visto che, come scrive Italia Oggi, arretrano tutte, rispetto allo scorso anno, eccezion fatta per Torino (che sale di 6 posti)".

E se Milano e Napoli perdono rispettivamente 7 e 5 posizioni, Roma ne perde 19 (31 in confronto al 2014), posizionandosi su livelli di qualità di
vita insufficienti. 







Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.