Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 23 luglio 2017

Alluvione a Licata, 30 mln dalla Regione

Approvato dalla giunta il finanziamento degli interventi straordinari per i danni causati dal maltempo. Altri 4 milioni alle imprese agricole colpite dalle calamitā nel 2015

PALERMO - La giunta regionale, riunita questo pomeriggio, ha approvato il finanziamento degli interventi straordinari per i danni avvenuti a Licata nei giorni scorsi a causa di un violento nubifragio e per consentire una serie di interventi strutturali, necessari al ripristino del territorio, per un totale di 30 milioni di euro, come già annunciato nei giorni scorsi dal presidente Rosario Crocetta.

Inoltre, è stato ripartito il fondo, di circa quattro milioni di euro, destinato alle imprese agricole che hanno subito danni a causa di eventi atmosferici nel 2015 e in particolare per eventi alluvionali: 124 mila euro a Palermo; 382 mila ad Agrigento; 2,3 milioni a Messina; 1,15 milioni ad Agrigento (prevalentemente a Licata). Queste somme verranno a breve erogate agli agricoltori colpiti.

"Quattro milioni di euro per risarcire le aziende colpite dalle calamità naturali. La giunta regionale - spiega l'assessore regionale all'Agricoltura Antonello Cracolici - ha approvato oggi il piano di riparto delle risorse stanziate in base all'art 57 della legge regionale 3 del 17 marzo 2016, che ha istituito un fondo dedicato ai risarcimenti nelle zone colpite che hanno ottenuto la declaratoria per gli eventi calamitosi del 2015".

"Tre le provincie interessate: Palermo e Messina per danni causati dalle piogge alluvionali e Agrigento per i danni causati da piogge alluvionali e dalla tromba d'aria che ha colpito il territorio di Licata lo scorso anno - continua Cracolici -. Con queste risorse saremo in grado di dare risposte certe alle aziende in difficoltà. Abbiamo seguito scrupolosamente il complesso iter che ha riguardato l'impegno delle somme necessarie da una parte e la procedura di dichiarazione di stato di calamità con il ministero dall'altra. Avevamo preso un impegno con gli agricoltori e lo abbiamo mantenuto".




Per commentare l'articolo č necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, č possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso č necessaria la verifica, basterā cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.