Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 23 settembre 2017

C'è pure quella del marito di Lucia Borsellino


PALERMO - Ci sarebbe anche la firma di Fabio Trizzino, ingegnere e marito di Lucia Borsellino, figlia del giudice ucciso dalla mafia, tra quelle falsificate nella lista del M5s per le comunali a Palermo del 2012. Trizzino, chiamato dalla polizia mentre era a Roma per riconoscere la sua sottoscrizione, ha dichiarato di non aver firmato a sostegno di liste per le elezioni, ma ha ricordato di avere apposto una sottoscrizione a sostegno del referendum abrogativo della legge di privatizzazione dell'acqua.

Sarebbe dunque un nuovo caso - anche un legale e un commercialista hanno raccontato la stessa cosa - che complica la vicenda delle firme false. Inizialmente l'inchiesta, infatti, aveva ipotizzato che per sanare un errore erano state copiate centinaia di firme realmente apposte a sostegno della lista, ma secondo il racconto di alcuni testimoni ci sarebbero anche l'uso fraudolento di sottoscrizioni rilasciate in occasioni che nulla avevano a che fare con le elezioni.

"Ricordo che mi fermò Nuti (parlamentare nazionale che sarebbe tra gli indagati ndr) - racconta Trizzino - per chiedermi la firma. Escludo fosse per le elezioni, non l'avrei messa, ma si trattava di una causa in cui credevo, come quella dell'acqua". "Se si arriverà a un processo - aggiunge il genero di Paolo Borsellino - mi costituirò parte civile perché l'usurpazione di una firma è una cosa gravissima". 

Prosegue intanto la sfilata dei testimoni convocati dai pm di Palermo. Oggi il procuratore aggiunto Dino Petralia ha ascoltato Fabio D'Anna, Giuseppe Marchese e l'avvocato Alessandro Crociata. D'Anna ha raccontato che la sua firma sarebbe tra quelle copiate da alcuni attivisti per rimediare all'errore formale che gli avrebbe impedito di presentare la lista.

L'ex attivista, ora testimone, ha lasciato il movimento anni fa, estromesso dalla cordata facente capo all'attuale deputato nazionale Riccardo Nuti e sarebbe tra gli indagati per la vicenda delle firme false. Marchese, invece, avrebbe consegnato le e-mail, che nei giorni prima della presentazione delle liste, si sarebbero scambiati alcuni attivisti, poi eletti alle politiche, e dalle quali traspariva l'allarme derivato dal mancato raggiungimento delle firme necessarie alla presentazione delle liste.

L'avvocato Crociata ha annunciato che rappresenterà, come parti civili, i cittadini le cui firme sarebbero state falsificate. Intanto in Procura si tenta di capire quanti siano i personaggi coinvolti, in quanto, oltre agli autori del falso materiale, la legge punisce chi ha utilizzato le false sottoscrizioni essendo consapevole del fatto che non corrispondessero agli originali.







Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.