Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 19 novembre 2017

Panchine rosse contro la violenza sulle donne

Nuccio Sciacca / 
Parte da Catania il percorso simbolico "Per non sentirmi sola"

Il 25 novembre, giorno della ricorrenza istituita dall’Assemblea delle Nazioni Unite nel 1999, partirà il percorso simbolo con una serie di panchine di colore rosso in tutti i paesi della provincia di Catania che aderiranno.

"L’obiettivo è costruire una rete capillare contro quella che, a tutti gli effetti, è una palese violazione dei diritti umani e delle libertà fondamentali - spiegano le promotrici Ersilia Saverino e Valeria Sudano -. Non sarà abbastanza, forse, ma è già molto per una Città Metropolitana che non vuole sottostare alla prepotenza e ai soprusi di uomini violenti. Per contrastare la violenza maschile contro le donne occorre innanzitutto riconoscere che non si tratta solo di episodi o di emergenza ma di un fenomeno di carattere strutturale radicato nelle relazioni tra donne e uomini, nelle famiglie, nei luoghi di lavoro, di studio, nelle città".

“Vogliamo portare avanti - spiegano - una serie di proposte che mirino a diventare lo spartiacque tra un passato fatto di omertà, matrimoni riparatori e corse al pronto soccorso e un futuro dove, invece, l’universo femminile è consapevole delle proprie responsabilità e dei propri diritti".

Giungono già le prime adesioni di altre tre donne impegnate in politica: Tremestieri con l’assessore Evelin Garofalo, Paternò con l’assessore Valentina Campisano e Castel di Iudica con l’assessore Mariella Turrisi.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.