Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 23 maggio 2017

Pubblicato: 15/11/2016

Sequestro a imprenditore colluso

La Dia di Agrigento ha messo i sigilli ai beni di Vitale Salvatore Collura, detenuto per associazione mafiosa

PALERMO - Beni per un valore di oltre 550 mila euro sono stati sequestrati dalla Direzione investigativa antimafia (Dia) di Agrigento a Vitale Salvatore Collura, 64 anni, imprenditore originario di Castronovo di Sicilia (Palermo), attualmente detenuto per associazione mafiosa nella casa circondariale di Reggio Calabria.

Il provvedimento di sequestro è stato emesso dal Tribunale di Palermo - sezione misure di prevenzione, presieduto da Giacomo Montalbano, "sulla base delle risultanze delle indagini bancarie e patrimoniali" condotte dalla Dia agrigentina, d'intesa con il procuratore aggiunto Bernardo Petralia, coordinatore del gruppo misure di prevenzione, della Dda di Palermo.

Collura è stato arrestato nel 2002. Nel 2011 è stato anche indagato nell'ambito dell'indagine antimafia "Kamarat". Il 22 maggio 2014 è stato condannato a otto anni di reclusione per associazione mafiosa della Corte di Assise d'appello di Palermo.

Il sequestro riguarda due fabbricati, quota parte di 26 terreni, un'impresa individuale agricola, nonchè numerosi rapporti finanziari (conti correnti bancari, conti deposito titoli, buoni postali, carte di credito).




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.