Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 23 marzo 2017

"Sull'Appennino effetto domino, faglie collegate fra loro"


ROMA - E' un sistema di faglie estremamente complesso, quello che ha generato i terremoti del 24 agosto nel Reatino, del 26 ottobre fra Perugia e Macerata, e quello di questa mattina, il più forte di tutti con una magnitudo di 6,5, vicino Norcia. Interpretare il sistema appenninico è difficile e completamente diverso dal considerare faglie lineari, come la celebre faglia di Sant'Andrea, che attraversa la California per 1.300 chilometri. "Se studiamo la faglia di Sant'Andrea sappiamo di trovarci davanti a un oggetto continuo, che si estende per centinaia di chilometri e quando lungo quella faglia avviene un terremoto sappiamo che ad attivarsi sono porzioni diverse dello stesso sistema", ha osservato il sismologo Gianluca Valensise, dell' Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).

"Studiare il sistema di faglie dell'Appennino - ha proseguito - è completamente diverso: le faglie appenniniche sono infatti frammentate, al punto che nell'Italia Centrale la loro estensione media è compresa fra 10 e 20 chilometri, mentre a Sud riesce a raggiungere 40 o 50 chilometri". I terremoti così frequenti nell'Italia Centrale sono quindi generati da queste relativamente piccole faglie, "collegate fra loro in un rapporto dinamico", ha detto ancora l'esperto.

Ad esempio, il terremoto del 26 ottobre è "sicuramente collegato a quello del 24 agosto scorso nel Reatino: se non ci fosse stato il terremoto del 24 agosto, quello probabilmente sarebbe forse arrivato fra 10 o 100 anni", ha rilevato. All'interno di questo complesso sistema di faglie entra in gioco quello che si può vedere come un "effetto domino", nel quale ogni volta che una faglia si attiva e genera un forte terremoto, perturbando porzioni ancora intatte della stessa faglia o altre faglie minori circostanti. P

uò quindi accadere che le faglie più piccole che si trovano nelle vicinanze si rompano a loro volta, generando altri terremoti, ossia le repliche del terremoto principale. Ogni terremoto che avviene nell'Appennino può quindi interessare "tante faglie diverse", tutte generalmente orientate nella direzione che va da Nord-Ovest a Sud-Est. Il risultato è un movimento di tipo estensionale, ossia una sorta di 'stiramento' della crosta terrestre in corrispondenza dell' Appennino con un conseguente allargamento dell'Italia Centrale.

E' un fenomeno che avviene in modo graduale ma inesorabile, ad una velocità di qualche metro per millennio, lungo tutto l'arco che da dalla Lunigiana allo Stretto di Messina. E' un sistema ormai noto ai sismologi, anche se "delle incognite ci sono sempre", ha osservato Valensise. La faglia che si è attivata il 26 ottobre, per esempio, non aveva mai dato chiari segnali di attivazione, né se ne avevano notizie certe sulla base dei terremoti storici.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.