Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 27 marzo 2017

Scossa di magnitudo 6.5 nel Centro Italia

Epicentro tra Norcia e Preci, distrutta la basilica di San Benedetto. Non ci sono vittime, un paio di feriti sono in gravi condizioni. E' il terremoto più violento degli ultimi decenni nel nostro Paese, paragonabile come intensità solo a quello dell'Irpinia nel 1980
basilica norcia

ROMA - Una nuova forte scossa di terremoto di magnitudo 6.5 ha colpito alle 7.40 di nuovo duramente le zone terremotate del centro Italia, provocando crolli e distruzione, anche al centro di Norcia. Si tratta della più forte scossa di questi giorni, superiore anche al quella del sisma dell'Aquila del 2009, che fu di 5.8. E infatti è stata sentita in gran parte del Paese, molto forte a Roma, dove è stata chiusa in via precauzionale la metropolitana. 

Nessuna vittima finora, ma cominciano ad arrivare notizie dei feriti, qualche decina secondo le prime informazioni, due dei quali sarebbero più gravi. Crolli e danni dappertutto, e grossi problemi alla viabilità nelle zone colpite, a cominciare dalla Salaria, e i feriti devono essere portati via in elicottero. La strada che collega Visso con Norcia è crollata a circa due chilometri dal comune marchigiano ed è dunque totalmente inagibile. Interi borghi distrutti. Nel maceratese, il sindaco di Pievetorina ha chiesto aiuto: "abbiamo bisogno di mezzi, di container", mentre il primo cittadino di Caldarola ha fatto sapere che l'80% delle case è inagibile, che la popolazione è tutta fuggita dalle abitazioni e che tutto il centro storico è ormai 'zona rossa'.

La Protezione Civile sta verificando la situazione dei crolli, in particolare delle frazioni, per controllare che non ci siano persone coinvolte dai nuovi danni: i centri storici dei paesi erano, infatti, già stati sgomberati e dichiarati "zone rosse". Danni ingenti sono segnalati al centro di Norcia, finora soltanto lesionato: in particolare a Basilica di San Benedetto e la cattedrale di Santa Maria argentea, a Norcia, sono crollate: sono rimaste in piedi parte delle facciate e delle strutture. Anche ad Amatrice la scossa ha fatto danni, facendo crollare la torre civica e la chiesa di San Benedetto.

A Roma, dove i vigili del fuoco sono stati sommersi di richieste di intervento, crepe e cornicioni sono caduti alla Basilica di San Paolo, che è stata quindi chiusa per effettuare le verifiche. Verifiche anche nella basilica di San Lorenzo per frammenti di calcinacci caduti nella navata. Tutto a posto invece in Vaticano, dove i vigili del fuoco ha effettuato sopralluoghi. Nuovi crolli si sono verificati all'Aquila, a sette anni dal sisma del 6 aprile 2009. La circolazione ferroviaria è stata sospesa, in attesa di verifiche da parte dei tecnici Rfi, lungo le linee Foligno-Terontola, Orte-Falconara, Ascoli-Porto d'Ascoli, Terni-Sulmona, Pescara-Sulmona. Lungo la linea Roma-Firenze il traffico è rallentato fino a 30 minuti per un guasto.

Il terremoto è avvenuto nella zona a Sud-Est di Norcia e rientra nella stessa sequenza sismica che si è attivata il 24 agosto, con il terremoto nel Reatino. "Il terremoto di oggi è avvenuto sullo stesso sistema di faglie e fa parte della sequenza cominciata in agosto e che adesso sta procedendo", ha detto il sismologo Alberto Michelini, dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).

Lo sciame sismico (almeno una cinquantina di terremoti) seguito alla scossa delle 7.40 ha visto altre sei forti scosse, quattro di magnitudo superiore a 4 (una di 4.6) le altre due di 3.9 e di 3.5. L'epicentro di questo terremoto è ubicato tra le province di Macerata, Perugia e Ascoli Piceno, a 7 km da Castelsantangelo Sul Nera, 5 km da Norcia e 17 km da Arquata del Tronto. E il Cnr non esclude "in linea teorica" altre forti scosse.

Il premier Matteo Renzi è in contatto con il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio, che è a Rieti, mentre il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a Gerusalemme, dove è arrivato ieri per una visita di Stato, è in stretto contatto con Roma e sta seguendo con attenzione le prime informazioni che vengono dall'Italia.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.