Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 24 marzo 2017

Pubblicato: 25/10/2016

Bar Castello, quanta sporcizia

Controlli nei quartieri Barriera e Picanello. Carenze igieniche e cibi congelati nel locale di via Leucatia, sanzionati anche un panificio e una pescheria. Multe a due autofficine e a un elettrauto in via Malta

CATANIA - Continuano i controlli nei locali catanesi. Ieri è toccato ai quartieri di Picanello e Barriera. Al "Bar Castello" di via Leucatia sono state riscontrate gravi carenze di pulizia: scarti alimentari sotto le attrezzature vetuste e promiscuità di alimenti nei frigoriferi. Multato e denunciato il titolare anche per il reato di frode in commercio poiché all’interno del pozzetto congelatore vi erano bignè congelati senza che il menù ne riportasse l’indicazione. Altra denuncia è scattata per il reato di mal conservazione alimenti. Sanzione anche per mancanza di autorizzazione per il suolo pubblico.

Nella stessa via sono stati controllati il panificio "Castello", il cui titolare è stato sanzionato perché non era in possesso dell’attestato Osa e di un’altra persona addetta alla vendita. Ancora, un controllo del negozio "Il Pescatore", dove l’Asp ha contestato la mancanza di etichettatura di 700 grammi di vongole.

A seguire, è stato indagato in stato di libertà per furto di energia elettrica il titolare del vicino centro Snai in quanto detta attività veniva alimentata da un contatore manomesso. È stato controllato anche il "Girarrosto Laudani Srl", il cui titolare è stato multato poiché privo di manuale di autocontrollo.

Nel quartiere di Picanello, in via Malta, anche a seguito di esposti da parte dei residenti, è stato effettuato un controllo presso un’autofficina che, da accertamenti effettuati, è risultata priva di autorizzazioni: per tale motivo, il titolare è stato sanzionato col pagamento di 5.000 euro, il locale è stato sequestrato preventivamente. Ancora nella stessa via è stata controllata un’altra officina, trovata regolare sotto il profilo amministrativo, ma che occupava abusivamente il suolo pubblico: è stato anche sequestrato un ciclomotore sprovvisto di regolare targa e di copertura assicurativa.

Sempre in via Malta è stato controllato un elettrauto, sprovvisto di qualsiasi autorizzazione e non in regola per ciò che riguarda la normativa sullo smaltimento dei rifiuti speciali: il locale è stato sequestrato, il titolare è stato denunciato per reato ambientale e sanzionato a pagare 5.000 euro. Anche a detto titolare è stata contestata l’occupazione abusiva del suolo pubblico; sequestrato anche un ciclomotore sprovvisto di regolare targa e di copertura assicurativa. In totale, nella giornata di ieri, sono state elevate sanzioni per un importo di circa 30 mila euro.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.