FOTO" /> FOTO"> "Bombe ecologiche davanti a scuola"
Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 24 settembre 2017

Pubblicato: 12/10/2016

"Bombe ecologiche davanti a scuola"

Catania. Appello del consigliere Buceti all'amministrazione: "Spettacolo pietoso per studenti e genitori della Petrarca e della Padre Santo di Guardo". FOTO

CATANIA - Ampi spiazzi e mancanza di controlli. Due elementi che nella municipalità di "Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo" si traducono con la presenza di discariche abusive. Luoghi che diventano facile preda della microcriminalità che li trasformano in pattumiere a cielo aperto. In alcuni casi non parliamo di zone isolate ma luoghi molto frequentati e posizionati proprio davanti a due scuole.

E' la denuncia di Erio Buceti, consigliere della IV municipalità: "Sto parlando della "Petrarca" di via Gioviale e della "Padre Santo di Guardo" di via Vitale. Aree sensibili, con un viavai continuo di migliaia di persone, con alunni e genitori che quotidianamente devono affrontare uno spettacolo pietoso frutto del totale disinteresse dell’amministrazione comunale per il nostro territorio". GUARDA LA FOTOGALLERY

"A rischio è la salute di tante persone - continua Buceti - chiedo con forza all’amministrazione di riqualificare i siti comunali che oggi devono fare i conti pure con il rischio incendi e il relativo pericolo per la pubblica salute legato allo sprigionamento di fumi tossici. Cosa aspetta l’amministrazione a intervenire? Quanta spazzatura dovrà ancora accumularsi prima che gli operai si mettano al lavoro per eliminare queste discariche abusive?".

"Degrado chiama degrado e sappiamo benissimo che le montagne di rifiuti richiamano altri tipi di attività criminali. In via Gioviale e in via Vitale ci sono "bombe ecologiche" che rischiano di ingrandirsi ulteriormente. Zone che la sera sono quasi completamente deserte e questo non fa altro che favorire lo scarico illegale anche dei materiali pericolosi".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.