Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 24 gennaio 2017

Copertoni ed eternit, strade-discariche a San Giovanni Galermo


CATANIA - Strade ridotte a enormi discariche e spazzatura ovunque. E’ piena emergenza nel quartiere di San Giovanni Galermo. Un grosso problema igienico-sanitario, come sottolinea il consigliere comunale Giuseppe Catalano che lancia l’ennesimo allarme per la mancanza di pulizia soprattutto nella zona di Largo Abbeveratoio, via Villa Flaminia, via Vigne Nuove e nel rione Balatelle.

Una situazione che riguarda migliaia di sangiovannesi. Famiglie arrabbiate per intere strade trasformate in enormi cassonetti grazie al "contributo" dei pendolari, provenienti dai paesi dell’hinterland etneo, che appena mettono piede nel quartiere abbandonano il proprio sacchetto di plastica oppure vecchi mobili. GUARDA LA FOTOGALLERY.

A questo bisogna aggiungere i camion, pieni di materiale edilizio, che scaricano in pochi secondi lontano da sguardi indiscreti. "In questi ultimi anni ho fatto tante segnalazioni e ora l’amministrazione deve avviare, con estrema urgenza, a San Giovanni Galermo un piano straordinario di pulizia. Uomini e mezzi che vanno impiegati per l’eliminazione delle montagne di spazzatura che si fanno sempre più grandi con il passare del tempo", spiega Catalano.

"L’ultimo caso riguarda via Villa Flaminia e via Vigne Nuove. Qui si ammassano enormi quantità di copertoni, mobili, eternit e materiale edilizio. Come consigliere comunale ed ex presidente della locale circoscrizione tante volte ho denunciato questa situazione di abbandono e degrado e ho chiesto l’intervento delle forze dell’ordine".

"Polizia e carabinieri per avere finalmente pattugliamenti costanti nella zona nord-ovest di San Giovanni Galermo. Via Villa Flaminia, come pure via Macello, fa parte del territorio di confine tra Catania e i paesi dell’hinterland etneo ed è costantemente presa di mira dai delinquenti che qui scaricano di tutto".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.