Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 21 ottobre 2017

"Ficodindia Amarcord", risate vintage

Un tuffo nella tv dei ricordi: su Antenna Sicilia in onda tutti i giorni alle 14 e alle 21 una raccolta di gag di cabarettisti siciliani

Torna la tv vintage, la voglia di ritrovare le sicurezze del passato, di rifugiarci nell’abbraccio dei ricordi. In un momento così denso di incertezze, di paure, in una società tanto fluida da diventare talvolta sfuggente, cosa c’è di meglio che ridere ritrovando volti familiari e amati dal pubblico?

E’ la formula di “Ficodindia Amarcord”, il meglio, il buffo, lo strano, il retrò del cabaret, in onda su Antenna Sicilia tutti i giorni alle 14 e alle 21. Una raccolta di gag e siparietti di comici siciliani che hanno fatto la storia dell’intrattenimento: indimenticabili esibizioni del passato sul palco di Insieme, lo show siciliano più visto dai siciliani.

Il filo conduttore è dunque "come eravamo", un’antologia di frammenti di comicità che suonano come un ripasso per immagini della storia della tv locale. Come in un album dei ricordi, vedremo gli esordi di artisti che da quel palco "casalingo" hanno poi preso il volo diventando i beniamini della risata, calcando anche le scene nazionali, da Sasà Salvaggio (con qualche capello in più) ad Antonello Costa con i suoi tormentoni come "Sergioooo".

Una spruzzata di memoria con le battute dei palermitani doc Toti e Totino ed Ernesto Maria Ponte. E ancora le magie stravaganti di Francesco Scimemi e le imitazioni di Andrea Barone. Un vero e proprio tuffo nostalgico con un imberbe Carlo Kaneba e le esibizioni d’annata di Antonio Pandolfo. E l’archivio non finisce qua: in "bianco e nero" vedremo anche i Tre e un quarto, Carmine Faraco, Giovanna Criscuolo.

Si ride, ma è anche un’occasione per rivedere come eravamo: gli abiti e il look fine anni 90, le piccole assurdità della vita quotidiana sempre uguali o molto diverse, la presa in giro di mode, manie e follie di "altri" tempi, uno spaccato di costume in cui ogni spettatore può ritrovarsi. Un pezzo della nostra storia in forma di cabaret.

"Ficodindia Amarcord" è un’opportunità per rivedere una sfilza di cabarettisti, ma anche una ghiotta occasione per rivedersi, per riconoscere persone, amici, parenti tra il pubblico di Insieme, tra gli spettatori inquadrati durante lo show.

Una sorta di "Techetechetè" (il programma della Rai) in salsa sicula, spezzoni televisivi che ci raccontano gli anni appena passati, con affetto e ironia e tracciano una piccola storia del costume.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.