Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 23 giugno 2017

Carne scaduta da un mese e sporcizia
ancora controlli nei locali catanesi

Irregolarità e scarse condizioni igienico-sanitarie nei bar "Magrì Pietro" e "President" in viale Vittorio Veneto

CATANIA - Continuano i controlli nei bar e nei locali catanesi, ieri è toccato al quartiere di Picanello. In viale Vittorio Veneto presso il bar "Magrì Pietro" sono state riscontrate scarse condizioni igienico-sanitarie all’interno del laboratorio, così come contestato anche dai tecnici dell’Asp.

Il titolare è stato indagato poiché all’interno del congelatore sono stati trovati alimenti surgelati senza che vi fosse alcuna menzione sul menù. All’interno del congelatore erano anche stipati quantitativi di carne scaduta ormai da oltre un mese, oltre ad alcuni dolci mal conservati. 

Sul posto è stato richiesto anche l’intervento dei vigili del fuoco, visto che nel locale cucina sono state trovate delle bombole di Gpl: il loro utilizzo non era idoneo a causa della depressione che pone la cucina al di sotto del piano stradale per circa 40 cm. I vigili del fuoco hanno disposto l’allontanamento delle bombole e il divieto dell’utilizzo delle cucine a gas.

È stato controllato anche il bar "President", sempre in viale Vittorio Veneto, e anche in questo caso, il titolare è stato indagato per frode in commercio in quanto deteneva prodotti surgelati senza darne indicazione nell’apposito menù e, limitatamente a 9 kg di impasto per brioche, si contestavano scarse condizioni igienico sanitarie e cattivo stato di conservazione degli alimenti.







Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.