Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 27 giugno 2017

Pubblicato: 13/09/2016

Anziani rapinati, presi 5 catanesi

La banda rapinava i pensionati all'uscita degli uffici postali della Sicilia orientale. VIDEO

SIRACUSA - Gli agenti della squadra mobile di Siracusa, con l'ausilio dei colleghi di Catania, hanno eseguito cinque ordinanze di custodia cautelare in carcere, con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata alle rapine ed ai furti. Il provvedimento, emesso dal Gip del Tribunale di Siracusa, riguarda una serie di "colpi" messi a segno, tra il giugno 2015 e l'aprile di quest'anno, nelle province di Siracusa e Catania e a Taormina.

L'operazione trae origine da una rapina ai danni di un' anziana signora di Siracusa che aveva da poco riscosso la pensione in un ufficio postale. Rientrata nell'auto, la donna era stata affiancata da un giovane che, dopo averle aperto lo sportello, le aveva strappato la borsa e l'aveva trascinata sull'asfalto.

Grazie ai sistemi di videosorveglianza in città, era stato individuato uno scooter ed un'autovettura usati dai malviventi. Intercettazioni telefoniche ed ambientali hanno permesso di identificare i presunti componenti della banda e anche di far luce su un'altra rapina e quattro furti con le stesse modalità, sempre ai danni di anziani.

Gli arrestati, tutti con precedenti penali, sono catanesi che secondo l'accusa spesso operavano in trasferta, sono Francesco Zappulla, 65 anni, già ai domiciliari ed è ritenuto l'organizzatore; Antonino Zappulla, 32 anni, già ai domiciliari; Giuseppe Romano, 36 anni; Ottavio Roberto Questorino, 28 anni, già detenuto in carcere; Giuseppe Minutola, 20 anni, già ai domiciliari, tutti di Catania.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.