Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 22 ottobre 2017

Cocuzza batte ancora il governo Usa
Pignoramento confermato a Sigonella

Il tribunale di Catania rigetta la richiesta di annullamento, gli americani dovranno pagare un milione di dollari all'ex dipendente licenziato ingiustamente dal supermercato della base

CATANIA - Il Tribunale civile di Catania ha rigettato la richiesta del dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti di annullare il pignoramento eseguito dall'ufficiale giudiziario il 9 luglio scorso del supermercato 'Commissary Store' di proprieta' del governo Usa nella base militare di Sigonella. Il suo contenuto, escluso frutta e carne, stimato in 1,1 milioni di dollari, dovrà essere venduto per pagare il debito dell'amministrazione con un suo ex dipendente licenziato nel 2000, Carmelo Cocuzza, un vetrinista che ha vinto la causa per ingiusto licenziamento col governo statunitense.

La sentenza, esecutiva dal 2014, prevede un risarcimento danni di 600 mila dollari per Cocuzza e il reintegro nel posto di lavoro. La nuova ordinanza è stata emessa il 16 agosto scorso. Stamattina davanti a un altro giudice del Tribunale si è svolta l'udienza per la richiesta di sospensione del pignoramento avanzato dal governo Usa. Il giudice si è riservato di decidere.

A Cocuzza, intanto, ieri è stato notificato un quarto procedimento richiesto dai legali del dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti per contestare il suo reintegro al lavoro. L'udienza è stata fissata per il prossimo novembre.

"Mi chiedo ancora - osserva Cocuzza, 50 anni - dopo 16 anni che 'combatto' questa battaglia legale, cosa devo ancora fare perché un mio diritto venga riconosciuto, mentre questi continuano a 'perseguitarmi' nonostante sia stati condannati più e più volte". Per questo Cocuzza chiede al prefetto di Catania, Maria Guia Federico, "un intervento urgente con i ministri della Giustizia e degli Esteri: esistono trattati internazionali e bilaterali con gli Usa che - sottolinea Cocuzza - impongono l'obbligo del rispetto delle nostre leggi e della nostra giurisdizione".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.