Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 22 ottobre 2017

Librino, posata la prima pietra
per il polo ospedaliero d'avanguardia

Alla cerimonia erano presenti il presidente della Regione Lombardo e l'assessore alla Sanitā Russo. La nuova struttura, che dovrebbe essere ultimata nell'ottobre 2011, sostituirā il vecchio "Vittorio Emanuele"

CATANIA - Il presidente della Regione, Raffaele Lombardo e l'assessore regionale alla Sanità, Massimo, Russo hanno posato la prima pietra del nuovo ospedale San Marco e Centro di eccellenza ortopedico che sorgerà nel popoloso rione di Librino.

I lavori, commissionati dalla Regione Siciliana e dall'azienda Vittorio Emanuele, è previsto siano completati entro ottobre del 2011. Il progetto esecutivo  è stato presentato dal Consorzio stabile "Uniter", che vede capofila la "Tecnis" di Catania. L'importo complessivo dell'appalto è di 125.275.000 euro. I lavori prevedono la realizzazione dei due complessi ospedalieri costituiti dall'ospedale "San Marco" di 560 posti letto e dal Centro di eccellenza ortopedico di 160 posti letto.

Le due strutture saranno collegate attraverso una rete di percorsi e l'asse portante dell'Hospital street, costituendo un unico sistema ospedaliero. La nuova struttura sostituirà il vecchio "Vittorio Emanuele" e costituirà occasione per il potenziamento delle attività assistenziali e di ricerca in campo della genomica.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo č necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, č possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso č necessaria la verifica, basterā cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.