Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdý, 26 maggio 2017

Il catanese Cocuzza batte gli Usa
pignorato il supermarket di Sigonella

Vetrinista licenziato vince la causa: la base americana lo dovrÓ risarcire con 600.000 euro. "Ho combattuto per 16 anni"

SIGONELLA (CATANIA) - L'ufficiale giudiziario di Catania ha eseguito il pignoramento del supermercato 'Commissary Store' di proprietà del governo Usa nella base militare di Sigonella. Il suo contenuto, escluso frutta e carne, stimato in 1,1 milioni di dollari, sarà venduto per pagare il debito dell'amministrazione con un suo ex dipendente licenziato nel 2000, Carmelo Cocuzza, un vetrinista che ha vinto la causa per ingiusto licenziamento col governo statunitense.

La sentenza, esecutiva dal 2014, prevede un risarcimento danni di 600 mila dollari per Cocuzza e il reintegro nel posto di lavoro. "Se il mio assistito non sarà riassunto - annuncia il suo legale, l'avvocato Concetta La Delfa - ci sarà una violazione di un provvedimento di un giudice e noi denunceremo il responsabile in sede penale". Il pignoramento è stato eseguito alla presenza anche dei carabinieri della base e del vice comandante del 41° Stormo antisom dell'aeronautica militare italiana, responsabile di Sigonella.

Ieri era stato eseguito un altro tentativo di pignoramento, ma non è stato possibile portarlo a termine. Il primo di una serie, risalente allo scorso 12 febbraio, era stato interrotto soltanto perché l'allora comandante dei marines Usa presenti nella base Sigonella si era impegnato a risolvere il problema in tempi rapidi. Dopo una serie di incontri che non hanno trovato una soluzione condivisa Cocuzza e il suo legale hanno deciso di procedere al pignoramento.

Per Cocuzza "è stato triste essere stati costretti a pignorare un bene di un governo straniero per avere quello che da due anni dei giudici italiani hanno stabilito con una sentenza definitiva. La legge deve essere uguale per tutti, e anche i governi stranieri devono rispettare le norme italiane in Italia".

Per l'ex dipendente è il momento di bilanci: "Ho 50 anni e da 16 combatto; per fare questo ho dovuto rinunciare a farmi una famiglia. La mia vita è stata fortemente condizionata da quel licenziamento: ho dovuto concentrare tutte le mie forze, anche economiche, soltanto in questa battaglia".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.