Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 19 febbraio 2017

Pubblicato: 06/07/2016

I ricordi si potranno cancellare

Nuccio Sciacca / 
Spegnendo un gene, per ora sui topi, ricercatori belgi dimostrano questa elasticità del cervello

Tutta colpa o merito, a seconda dei punti di vista, di un gene che, se spento, cancella la memoria. A dimostrarlo su topi sono stati i ricercatori dell’Università di Lovanio in Belgio e dell’istituto Leibniz di Neuroscienze in Germania. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista "Biological Psychiatry".

Il gene della neuroplastina produce una proteina importante per l'elasticità del cervello, ma ad oggi pochissimi gruppi di ricerca in tutto il mondo ne studiano comportamenti e funzioni. In questa ricerca gli esperti hanno insegnato a topolini a muoversi tra due gabbiette in risposta a un lampo di luce. Il lampo precede uno stimolo fastidioso alle zampine, così il topolino impara presto che appena vede il lampo è il momento di spostarsi nell’altra gabbietta.

Questo comportamento si chiama apprendimento per associazioni ed è un meccanismo importante per la nostra memoria. Gli esperti hanno visto che mettendo ko il gene della neuroplastina i topolini perdono in toto il ricordo del lampo e del suo significato, quindi quando vedono la luce non scappano più per andarsi a rifugiare nell’altra gabbietta. Una volta compreso come funziona la neuroplastina si potrebbe utilizzare questo interruttore per cancellare ricordi traumatici.

                                                                                         






Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.