Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedý, 27 luglio 2017

Pubblicato: 05/07/2016

"Riconosciuto lo sforzo compiuto"


PALERMO - "Bilancio ripulito e attendibile". È quanto ha detto il presidente delle sezioni riunite della Corte dei Conti Maurizio Graffeo nel corso del giudizio di Parificazione tenutosi a palazzo Steri a Palermo. Graffeo ha parlato di "epocale ripulitura dei conti. Adesso i conti sono più attendibili. Non si torni ai vizi del passato". 

"Penso che sia un buon giudizio da parte della Corte dei Conti. È stato riconosciuto lo sforzo che abbiamo fatto in questo anno sia sullo dalle leggi di riforma che dall'operazione di riaccertamento dei residui. La Corte dei Conti ha parlato di operazione epocale da una vita che si doveva fare", ha detto Alessandro Baccei, assessore regionale all'Economia.

"Noi abbiamo avuto il coraggio di farla. Di notevole importanza anche l'accordo con lo Stato che secondo me avrà la capacità di consentire di programmare le attività della Sicilia - ha aggiunto -. Un miliardo e sette centomila in più con i quali ci sarà uno stop ai debiti e si ferma l'erosione delle base imponibile delle imposte portando, quindi, più gettito e più serenità alla Sicilia. Abbiamo un bilancio reale. È evidente che l'attivo era di 14 miliardi di cui dieci erano gonfiati e li abbiamo cancellati".

"Sulle partecipate - ha aggiunto Baccei - l'analisi è un po' di diversa. Anni fa è stata fatta la scelta di assumere queste persone. Queste persone svolgono dei servizi, l'opera che sta facendo la Ragioneria e l'assessorato e di verificare se questi servizi siano fatti a prezzo di mercato. L'importante è che questi lavori siano produttivi".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.