Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 26 aprile 2017

Pubblicato: 24/06/2016

Open day della psoriasi a Catania

Nuccio Sciacca / 
Il 25 giugno visite gratuite al Policlinico e al Vittorio Emanuele

Nell’ambito delle patologie infiammatorie croniche, la psoriasi rappresenta una patologia inizialmente sottovalutata e occultata, così che il momento della diagnosi viene spesso rimandato: per questo è nato un progetto di sensibilizzazione con visite gratuite in 2 strutture ospedaliere di Catania: al Gaspare Rodolico-Policlinico, via Santa Sofia 78, e al Vittorio Emanuele, via Plebiscito 628.

"La psoriasi è una patologia abbastanza frequente gravata da un importante impatto socioeconomico. Essa è inoltre oggi considerata una malattia sistemica che può associarsi a importanti comorbidità (patologie cardiovascolari, diabete, obesità, sindrome metabolica) che possono aggravare il quadro clinico e rendere il trattamento del paziente più complesso", spiega il professor Giuseppe Micali, direttore del reparto di Dermatologia dell’Università di Catania.

"La psoriasi è la malattia cutanea più diffusa e si può osservare, oltre che nell’adulto, anche in età pediatrica. Essa rappresenta una patologia che incide pesantemente sulla visione del self e che, in alcuni casi, può avere, come nelle forme eritrodermiche e pustolose, una prognosi grave. Tali forme necessitano di un adeguato approccio diagnostico-terapeutico", aggiunge il dottor Maurizio Pettinato, direttore del reparto di Dermatologia del "Vittorio Emanuele". Per prenotare una visita gratuita chiamare il numero 347 7152 710 dalle ore 9.00 alle ore 18.00.                                                                                       

 






Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.