Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 24 gennaio 2017

Pubblicato: 12/06/2016

"Il mio film per far riflettere"

Taormina Film Fest: il presidente onorario Richard Gere ha presentato "Gli invisibili", pellicola sui senza tetto

TAORMINA (MESSINA) - "Avevo un sogno quello di realizzare il mio miglior film raccontando le storie dei senza tetto; spero così di sensibilizzare tutti verso questa tematica". Richard Gere al Palacongressi di Taormina ha presentato così il suo film "Gli invisibili" e il progetto realizzato dal ministro Poletti con le associazioni che si occupano dei senza fissa dimora #HomelessZero.

Gere presidente onorario del Taormina Film Fest, ha incontrato ieri sera al Teatro Antico oltre 300 senzatetto provenienti da Messina, Ragusa, Agrigento, Piana degli Albanesi, Palermo, Catania, Siracusa, Monreale, Mazzara del Vallo, Caltagirone, Acireale, Caltanisetta.

"La mia speranza - prosegue Gere - era di fare un film da portare in tutto il mondo e di sostenerlo. Volevo fare un film del quale andare fiero e che stimolasse il cambiamento. Perché dopo il film ci vuole qualcuno che si impegni concretamente come stanno facendo i leader italiani. Mi ha commosso e toccato il cuore sentire le parole del ministro e della presidente dell'assocazione che aiutano i senza tetto che hanno espresso quello che anche io ho nel cuore e nella testa".

"Quando Tiziana Rocca mi ha detto di tornare al Taormina film Fest nuovamente - ha ricordato l'attore - gli ho detto sì ma gli ho chiesto anche di portare il mio film per fare in modo che questa pellicola, alla quale ho dedicato 12 anni, possa servire per aiutare i senza tetto in Italia e in tutto il mondo. Queste iniziative devono servire ad aprire una fessura nel cuore delle persone".

Commentando le parole del ministro Poletti, il quale ha annunciato un programma da 100 milioni di euro per i senza tetto, Gere ha osservato: "Sentire che il governo italiano destinerà tanti soldi per questo tema è importante. È fondamentale ora come dice il ministro reinserire i senza tetto nella società e dare loro una casa. È un cambiamento che parte dall'Italia e può essere seguito in tutto il mondo se anche altri leader e associazioni apriranno il loro cuore".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.