Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 25 marzo 2017

Pubblicato: 01/06/2016

Obesità contagiosa come un’infezione?

Nuccio Sciacca / 
Suggestiva ipotesi pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica "Nature"

Attenzione, anche se il lavoro è stato pubblicato su uno dei bollettini scientifici più accreditati del pianeta, non pensate che se una persona grassa vi starnutisce addosso potete ingrassare anche voi. Però è anche vero che la maggior parte di noi direbbe che l'obesità è una conseguenza del mangiare troppo, del fare poco esercizio fisico e di una sfortunata combinazione di geni.

E invece potrebbe non essere del tutto così. Un nuovo studio suggerisce che i microbi del nostro intestino influenzano il modo in cui mettiamo su peso e che possono anche essere 'trasmessi' da una persona all'altra, cosa che renderebbe l'obesità una malattia contagiosa alla stregua di altre infezioni.

Per la prima volta, scienziati del Wellcome Trust Sanger Institute hanno dimostrato che un terzo delle spore prodotte dai batteri intestinali umani (ne sono stati studiati ben 130 di diverso tipo) può sopravvivere all'aria aperta. Questo implica che le persone entrino in contatto con queste spore, che possono diffondersi, appunto, per via aerea.

Basandosi anche su precedenti studi, gli scienziati affermano che c'è un legame fra il corredo genetico dei batteri intestinali di una persona e il suo peso, e che se questi batteri possono sopravvivere all'esterno del corpo come dimostrano i nuovi dati, allora il nostro sistema interno potrebbe essere influenzato, ad esempio, dai familiari o dagli amici più stretti. In pratica, la ricerca non afferma che le spore 'saltano' di persona in persona, suggerisce solo che ne hanno le potenzialità.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.