Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 19 settembre 2017

"Compensi bassi, insegnanti non obbligati"


ROMA - Istituti aperti durante l'estate, per i ragazzi che restano a casa e che, inevitabilmente, finiscono a passare le giornate per strada. E, con il tempo, se la sperimentazione andrà bene, anche la domenica. Così, in un'intervista al Messaggero, il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini spiega il progetto 'Scuola al Centra', illustrato Al G7 su educazione e ambiente a Tokyo.

Il progetto coinvolge scuole medie e superiori e in particolare i ragazzi dei quartieri più disagiati di Milano, Roma, Napoli e Palermo, per un investimento da 10 milioni di euro. "A Napoli, per esempio, si contano 541 istituti. Di questi, 275 sono in zone considerate a rischio. Alla città andranno 4 milioni e 100mila euro", afferma Giannini.

I professori "non sono obbligati, chi vorrà parteciperà", ricevendo "un compenso, ma non molto alto". Quanto ai ragazzi, non andranno a scuola per studiare: il ministero pensa a sport, a scuole di musica, teatro. Ma anche vari laboratori artistici. "Tutto quello che potrebbe interessare i ragazzi, farli divertire e toglierli dalla strada".

Sulle risorse, "potranno essere utilizzati i fondi europei destinati alla dispersione scolastica", dichiara Giannini. Quanto alla possibilità di aprire le scuole anche la domenica, "se il progetto che sperimenteremo quest'estate andrà bene, perché no? Una volta avviata la rete si potrà pensare anche al giorno di festa", dice il ministro.

Critico il sindacato Anief. "Le scuole aperte d'estate? E' il solito annuncio-spot e, ammesso che sia giusto per i ragazzi, dove sono i fondi per pagare formatori e personale?", chiede Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario confederale Cisal.

La proposta sembra trovare il consenso degli studenti. Secondo una recente ricerca di Skuola.net, sull'apertura degli istituti nel pomeriggio la stragrande maggioranza è favorevole. Quanto alle scuole aperte d'estate, gli studenti chiedono attività con un forte carattere ludico o comunque ricreativo.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.