Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 26 luglio 2017

Pubblicato: 17/05/2016

Contro il bullismo #DagliUnaNota

Presentato il social experiment promosso da Telefono Azzurro e Armando Testa in collaborazione con l'app Shazam

TORINO - Sconfiggere il cyberbullismo utilizzando gli stessi strumenti che lo rendono possibile amplificandone gli effetti: su tutti, le app e le nuove tecnologie. È l'obiettivo di #DagliUnaNota, il social experiment promosso da Telefono Azzurro e Armando Testa in collaborazione con la popolare app Shazam, presentato al Salone del Libro di Torino.

"Il 21% dei ragazzi tra i 12 e i 18 anni è stato vittima di bullismo e cyberbullismo e un ragazzo su tre non ne parla con nessuno - ha denunciato Barbara Forresi, psicologa e responsabile del centro studi Telefono Azzurro -. L'80% degli episodi avviene a scuola e per questo abbiamo scelto di partire proprio dalla scuola per intervenire".

Per coinvolgere i ragazzi però serviva uno strumento facile e diretto: "Il primo schermo che i giovani guardano è lo smartphone con le varie app a loro disposizione - ha spiegato Massimiliano Rossi, responsabile del progetto per l'Armando Testa - così abbiamo deciso di coinvolgere Shazam, che, con 27 milioni di utenti in Italia, è su quasi tutti i telefoni".

Attraverso la tecnologia offerta dall'app, la campanella ministeriale, presente in tutte le scuole italiane, è stata aggiunta alla library di riconoscimento musicale. Shazam riconosce automaticamente il suono della campanella e invia a tutti i device degli studenti una notifica attraverso cui i ragazzi possono contattare il Telefono Azzurro per telefono o via chat.

"Si tratta di fornire un ponte tecnologico per portare un messaggio", ha dichiarato Filippo Vizzotto, country manager di Shazam. #DagliUnaNota è stato testato con successo nell'istituto comprensivo Tommaseo di Torino incontrando l'approvazione degli studenti, dei docenti e delle famiglie.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.