Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 19 febbraio 2017

Pubblicato: 17/05/2016

Contro il bullismo #DagliUnaNota

Presentato il social experiment promosso da Telefono Azzurro e Armando Testa in collaborazione con l'app Shazam

TORINO - Sconfiggere il cyberbullismo utilizzando gli stessi strumenti che lo rendono possibile amplificandone gli effetti: su tutti, le app e le nuove tecnologie. È l'obiettivo di #DagliUnaNota, il social experiment promosso da Telefono Azzurro e Armando Testa in collaborazione con la popolare app Shazam, presentato al Salone del Libro di Torino.

"Il 21% dei ragazzi tra i 12 e i 18 anni è stato vittima di bullismo e cyberbullismo e un ragazzo su tre non ne parla con nessuno - ha denunciato Barbara Forresi, psicologa e responsabile del centro studi Telefono Azzurro -. L'80% degli episodi avviene a scuola e per questo abbiamo scelto di partire proprio dalla scuola per intervenire".

Per coinvolgere i ragazzi però serviva uno strumento facile e diretto: "Il primo schermo che i giovani guardano è lo smartphone con le varie app a loro disposizione - ha spiegato Massimiliano Rossi, responsabile del progetto per l'Armando Testa - così abbiamo deciso di coinvolgere Shazam, che, con 27 milioni di utenti in Italia, è su quasi tutti i telefoni".

Attraverso la tecnologia offerta dall'app, la campanella ministeriale, presente in tutte le scuole italiane, è stata aggiunta alla library di riconoscimento musicale. Shazam riconosce automaticamente il suono della campanella e invia a tutti i device degli studenti una notifica attraverso cui i ragazzi possono contattare il Telefono Azzurro per telefono o via chat.

"Si tratta di fornire un ponte tecnologico per portare un messaggio", ha dichiarato Filippo Vizzotto, country manager di Shazam. #DagliUnaNota è stato testato con successo nell'istituto comprensivo Tommaseo di Torino incontrando l'approvazione degli studenti, dei docenti e delle famiglie.




Per commentare l'articolo necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso necessaria la verifica, baster cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.