Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 27 aprile 2017

Pubblicato: 15/05/2016

"Candidature? Non è il momento"

Faraone (oggi al "Faccia a faccia" su Antenna Sicilia) commenta le parole del ministro Boschi: "Il prossimo governatore sarà scelto in Sicilia"

PALERMO - "Quello del ministro Maria Elena Boschi in Sicilia è stato un tour legato esclusivamente al referendum di ottobre che deciderà le sorti del Paese. Se vincerà il sì, l'Italia cambierà radicalmente, finalmente andremo verso una democrazia moderna della decisione e non esclusivamente della rappresentanza. Non è tempo di discutere di candidature alla presidenza della Regione siciliana".

Così il sottosegretario all'Istruzione Davide Faraone all'indomani della visita del ministro Boschi in Sicilia. La stessa fedelissima del premier non ha esitato a indicare Faraone come "il nome giusto che saprà governare la Sicilia".

"Il prossimo presidente della Regione Sicilia - commenta Faraone - sarà scelto in Sicilia e il ministro ha dimostrato nei suoi interventi di nutrire profondo rispetto per le autonome scelte dei siciliani. Il ministro Boschi ha manifestato apprezzamento per l'azione messa in campo in quest'ultimo anno dal governo regionale, in raccordo con il governo nazionale".

"È chiaro che, come ha detto Boschi durante la presentazione del mio libro ieri a Palermo, ci auguriamo tutti che chi sarà chiamato a guidare l'isola lo faccia in coerenza con quello che si sta facendo con determinazione, rapidità e ottimi risultati nel resto del Paese". Domani sera alle 21 il sottosegretario all'Istruzione sarà ospite del "Faccia a faccia" all'interno della trasmissione Insieme di Antenna Sicilia, intervistato dal giornalista Luca Ciliberti.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.