Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 23 ottobre 2017

Pubblicato: 13/05/2016

Colpo al clan militare dei Santapaola

Sequestrati beni per 600 mila euro a Orazio Cocimano, ritenuto il reggente dell'ala armata della cosca mafiosa catanese

CATANIA - Dalle prime ore di stamane personale della Direzione Investigativa Antimafia di Catania sta eseguendo un decreto di sequestro beni del valore di 600 mila euro nei confronti di Orazio Benedetto Cocimano, di 52 anni, ritenuto elemento di vertice del clan Santapaola - Ercolano. Ad essere interessati dal sequestro sono due appartamenti, tre garage ed un deposito.

Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Catania - Sezione Misure di Prevenzione, a seguito di una proposta della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania.

Cocimano era stato arrestato nel luglio del 2014 dalla Squadra Mobile di Catania nell'ambito dell'operazione "Ghost" per intestazione fittizia di società operanti nel settore delle costruzioni edili. Scopo sarebbe stato eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniale ed agevolare la commissione dei delitti di riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita. Cocimano, dopo l'arresto di Santo La Causa, Carmelo Puglisi e - nell'ambito dell'operazione "Iblis" - di Arcidiacono Francesco Carmelo Arcidiacono, aveva raggiunto il vertice operativo del clan diventando alla fine del 2009 fino al 2011 reggente operativo dell'ala militare della "famiglia" e detentore della "cassa degli stipendi".

Più volte arrestato già nella metà degli anni '90 e nel 2011 per estorsione, Cocimano era stato raggiunto il 3 maggio del 2000 da una nuova ordinanza di custodia cautelare nell'ambito dell'operazione "Orione 3" per associazione mafiosa quale affiliato al Clan Santapaola ed associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

Particolarmente vicino al boss santapaoliano Maurizio Zuccaro, il collaboratore di giustizia Santo La Causa, del quale sarebbe stato il successore in seno all'organizzazione, ha indicato Cocimano come componente del gruppo di fuoco che nel 1996 uccise Luigi Ilardo, confidente del Colonnello dei carabinieri Riccio negli anni della ricerca dell'allora latitante Bernardo Provenzano, la cui vicenda costituisce oggetto di discussione nel processo sulla presunta trattativa Stato-Mafia.

Lo stesso collaboratore ne riferisce un ruolo anche nell'omicidio di Angelo Santapaola. Cocimano è stato inoltre più volte, nel 2011 e 2013, sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale. Un analogo provvedimento di sequestro, di un patrimonio che superava i 2 milioni di euro di beni, era stato eseguito nei confronti di Cocimano dalla Dia di Catania nell'ottobre del 2015.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.