Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 25 marzo 2017

Una giornata mondiale per l段giene delle mani

Nuccio Sciacca / 
Ancora bassa la consapevolezza dell段mportanza del semplice lavaggio col sapone

Lavarsi le mani prima di entrare in sala operatoria e in ogni caso all’interno di contesti chirurgici, oltre alle raccomandazioni standard che prevedono il lavaggio delle mani con molecola idroalcolica o sapone prima del contatto con il paziente, prima di una procedura asettica, dopo l’esposizione a un liquido biologico, dopo il contatto con il paziente e dopo il contatto con l’ambiente immediatamente circostante al paziente. Sono le raccomandazione dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che ha indetto la Giornata internazionale dell’igiene delle mani.

L’igiene delle mani è fondamentale per la prevenzione e il controllo delle infezioni, che rimangono l’evento avverso più frequente delle cure nel mondo. Molte di queste infezioni sono facilmente prevenibili attraverso una buona igiene delle mani, che vuol dire lavarsi le mani tutte le volte che occorre nel modo più corretto. I pazienti chirurgici, in particolare, sono a rischio di contrarre infezioni correlate all’assistenza, soprattutto le infezioni della ferita chirurgica e quelle legate a dispositivi, quali quelli intravascolari e/o i cateteri vescicali.

Quello della prevenzione delle infezioni della ferita chirurgica è un tema che ha già caratterizzato il “Report on the Burden of Endemic Health Care-Associated Infection World wide” (Report sul fardello delle infezioni endemiche associate all’assistenza nel mondo) nel 2011, e che vedrà per la fine del 2016 la pubblicazione delle Linee guida sulla prevenzione delle infezioni del sito chirurgico, che fanno la sintesi di due Campagne assai importanti dell’Oms, che hanno riguardato la Sicurezza delle cure e la Sicurezza degli interventi chirurgici.

Basti pensare che ogni anno nel mondo subiscono un intervento chirurgico ben 313 milioni di persone e di questi ben il 31% avrà un’infezione della ferita chirurgica, di cui circa un terzo sarà causata dall’Mrsa (Stafilococco aureo meticillino resistente), rendendone difficile il trattamento per via degli alti tassi di resistenza di questo batterio agli antibiotici. Questi pochi dati assieme a quelli relativi alla mancata aderenza a una pratica tanto ovvia e scontata, tanto più se ci riferiamo a contesti chirurgici (il 61% degli operatori sanitari e 1 su 2 membri dello staff chirurgico non si lava le mani nel momento opportuno), ci dicono che molto c’è ancora da fare, e questo è vero tanto per i Paesi ricchi tanto per quelli in via di sviluppo.

E' proprio pensando ai Paesi in via di sviluppo che l’Oms ha dato il via lo scorso anno a una campagna “Wash in health care facilities”, a supporto della presenza di acqua, sanitizzazione e igiene nei contesti sanitari e di vita quotidiana. Il 35% della popolazione africana, sudamericana e orientale, difatti, non ha ancora accesso a questi servizi e infrastrutture. Il rischio di sepsi, in questi contesti, è di 34 volte più alto rispetto ai Paesi occidentali.

Sono stati, inoltre, inserite nei Poster specifici per ciascuna delle infezioni associate all’assistenza più frequenti, i Bundles (un set di semplici informazioni, di solito da 3 a 5, basate sulle prove scientifiche che se applicate congiuntamente e in modo adeguato, migliorano la qualità dell’assistenza e i risultati per i pazienti).

Nella sola Europa si stimano 37.000 decessi come conseguenza diretta delle principali infezioni (dati dell’European Centre for Desease and Control), che sono quelle del tratto urinario, seguite da quelle dell’apparato respiratorio, quelle della ferita chirurgica e le batteriemie, di queste ben il 20/30% sono prevenibili.

Nel nostro Paese la situazione è pressoché sovrapponibile a quella europea, sebbene in questi ultimi anni le infezioni sostenute da germi multi resistenti siano in aumento, di contro l’adesione complessiva all’igiene delle mani rimane tra le più basse tra i Paesi occidentali e europei nella fattispecie, attestandosi intorno al 10%.                                                                                     






Per commentare l'articolo necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso necessaria la verifica, baster cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.